Una vocale a volte cambia tutto: Juve, da Milinkovic a… Milenkovic

milenkovic mertens fiorentina-napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Da Milinkovic-Savic a… Milenkovic. Juventus (ma non solo) sul difensore serbo della Fiorentina in vista del 2019

A volte una sola lettera può fare la differenza: capita così che la Juventus, dopo le prime due giornate di campionato, viri la propria attenzione e cominci a pensare non più soltanto a Sergej Milinkovic-Savic, centrocampista della Lazio valutato 130 milioni di euro e decisamente in affanno in questo inizio di stagione, ma pure a Nikola Milenkovic, connazionale serbo del giocatore biancoceleste, di ruolo difensore, di proprietà della Fiorentina. Un calciatore, quello viola, salito alla ribalta dei riflettori dopo il super-gol rifilato al Chievo domenica, ma c’è di più: gli addetti ai lavori avevano messo gli occhi su Milenkovic già da qualche settimana. Tra questi la Juve che – come vi avevamo raccontato – avrebbe già provato ad inserire il difensore in compagnia di Federico Chiesa nell’affare in ottica 2019 che già quest’anno ha portato Marko Pjaca a Firenze.

Su Milenkovic però non c’è solo la Juventus: in estate l’Atletico Madrid pare abbia messo sul piatto una cifra di tutto rispetto per lui, così come anche il Chelsea sembra abbia sondato il terreno in virtù degli ottimi rapporti con il suo agente, il super-procuratore dell’Est Fali Ramadani. Nulla da fare, almeno per quest’anno: la Fiorentina ha deciso di puntare fortissimo sul serbo classe 1997 che, giocoforza, potrebbe arrivare a valere un bel po’ di denari (si parla addirittura di cifre vicine ai 50 milioni di euro) il prossimo anno. Non è detto che Milenkovic non possa andare a far coppia in un’ideale asse centrale bianconero con Milinkovic-Savic: certo – come detto – una vocale però può fare una grossa differenza…