Moggi amarcord: «L’Avvocato era un uomo vero. Ecco cosa mi diceva»

© foto JuventusNews24

L’ex dirigente della Juventus ha parlato di Gianni Agnelli, l’Avvocato. Ecco i ricordi di Luciano Moggi

Amarcord a tinte bianconere. Luciano Moggi, ex dirigente bianconero, ha parlato a “Libero” raccontando alcuni aneddoti e retroscena sul compianto Avvocato Gianni Agnelli. Tanti i curiosi racconti dell’ex Juve: «Devo ammettere che mi sono sempre sentito baciato dalla fortuna per aver conosciuto un uomo così grande durante la mia avventura alla Juventus che lui considerava una sua creatura, al pari della Fiat. Essere stato vicino all’Avvocato, potersi confrontare con lui, uno che era considerato un maestro di vista, ti dava quelle certezze che solo persone con grande carisma sanno trasmettere».

Prosegue il racconto di Luciano Moggi: «Nei suoi colloqui non inseriva mai il verbo ‘devi’ ma inseriva sempre “Che ne dice?”. E chi era di fronte a lui sapeva sempre cosa fare e capiva cosa c’era da cambiare. Lui proteggeva sempre i suoi dipendenti dissuase chi chiedeva il licenziamento per alcuni personaggi Fiat coinvolti nello scandalo. Questo era un comportamento da uomo vero, una cosa sconosciuta di questi tempi. Tra me e lui nacque subito un ottimo feeling, mi chiamava tutte le mattine alle sei: a volte mi parlava delle notizie della stampa, altre mi chiedeva se c’erano novità».