Nainggolan: «Smetto con la Nazionale». Ma arriva la smentita su Twitter – FOTO

infortunio champions nainggolan
© foto www.imagephotoagency.it

In Belgio è scoppiato il caso Nainggolan, con il giocatore non convocato dal ct Martinez. Ma smentisce l’ipotesi di lasciare la nazionale

In Belgio è scoppiato il caso Radja Nainggolan, non convocato dal ct Martinez per i prossimi impegni. In mattinata i media locali avevano annunciato che il Ninja fosse in procinto di dire addio alla nazionale. Ipotesi però subito smentita dal centrocampista della Roma su Twitter: «Se ci saranno cose ufficiali le sentirete da me, sono solo deluso. Martinez mi ha chiamato alle 11, un’ora prima dell’annuncio delle convocazioni. Ha detto che lo scorso giugno, durante gli altri match di qualificazione ai Mondiali, ha avuto l’impressione che non fossi concentrato abbastanza sul Belgio. Stavo per esplodere».

Radja Nainggolan non convocato per i prossimi incontri internazionali: «Devo risolvere questa situazione e pensare al mio futuro». Forse lascia la nazionale, le dichiarazioni – 26 agosto, ore 9.10

Nainggolan è molto deluso dalle convocazioni di Roberto Martinez e continua così il suo rapporto non idilliaco con la Nazionale del Belgio, iniziato già ai tempi di Marc Wilmots. Il centrocampista della Roma è un fiume in piena e ce l’ha con tutti, anche con qualche compagno dei Diavoli Rossi. «Smetto perché tutto questo non ha senso. Convoca Tielemans che gioca con il Monaco pochi minuti a settimana. Diceva che i giocatori belgi devono giocare nei migliori campionati, poi chiama Witsel che gioca in Cina e non importa più. Devo essere io a dover migliorare la qualità del mio gioco? Per piacere» sono le accuse di Nainggolan dai microfoni di Het Nieuwsblad.

Nainggolan non convocato dal Belgio: «Sono molto deluso»

Radja Nainggolan e il Belgio: un rapporto difficile. Il centrocampista della Roma non è stato convocato per il doppio impegno contro Gibilterra e Grecia. Il Ninja è rimasto molto deluso della mancata convocazione e ha espresso il suo disappunto al portale hln.be: «Sono profondamente dispiaciuto, ho intenzione di risolvere questa situazione e di pensare al mio futuro». Da Wilmots a Martinez, non sembra essere cambiata la considerazione che lo sta tecnico del Belgio ha nei confronti di uno dei centrocampisti più forti della Serie A e d’Europa. Lo dimostra anche la sua storia con la nazionale che è fatta di appena 29 presenze condite però da 6 reti.

Le polemiche si era già sollevate quattro anni fa quando il centrocampista non fu convocato per i mondiali brasiliani del 2014. Qualcosa sembrava essere cambiato con la partecipazione agli ultimi europei ma nonostante con il suo club le prestazioni fossero sempre eccellenti, nessuno dei precedenti ct lo ha visto mai come un punto fermo della nazionale. Evidentemente la storia di alti e bassi tra Nainggolan e il Belgio è destinata a proseguire.