Napoli-Inter, arrestato un camorrista: “galeotto” il calcio offensivo degli azzurri

napoli tifosi feyenoord
© foto www.imagephotoagency.it

Un importante elemento di un clan camorristico vuole assistere a Napoli-Inter: arrestato nel tentativo di comprare un biglietto

Tradito dalla sua passione, il Napoli. Emanuele Niola, 33 anni, ritenuto elemento di spicco del clan camorristico Di Lauro, ha visto finire la sua latitanza a causa del desiderio di assistere alla sfida tra la squadra di Maurizio Sarri e l’Inter, in programma sabato 21, dagli spalti del San Paolo. Niola era ricercato da mesi perché deve scontare sei anni e sette mesi di reclusione in virtù di un provvedimento definitivo di condanna per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Le forze dell’ordine erano dunque sulle sue tracce, ma non riuscivano a stanare il profilo ricercato.

Niola ha dato mandato ad un amico di acquistare i biglietti per Napoli-Inter, ma chi doveva assolvere al compito – in una telefonata intercettata, come riportato dall’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport” – ha fornito solo il proprio nome e cognome, di fatto temporeggiando su quello del latitante. Un silenzio che ha insospettito gli investigatori e che, in pratica, ha circoscritto la presenza di Niola nella zona di Secondigliano, dove poi è stato arrestato. La latitanza di Niola, quindi, è finita ancora prima del fischio di inizio di Napoli-Inter.