Perin pronto: «Sono guarito. Bertolacci? Spero torni. Su Simeone…»

perin genoa
© foto www.imagephotoagency.it

Il portiere del Genoa, Mattia Perin, ha parlato in conferenza stampa delle sue condizioni e della stagione che sta per cominciare

Mattia Perin, portiere del Genoa, è il primo giocatore rossoblù a parlare in conferenza stampa in vista del ritiro di Neustift in Austria che comincerà il prossimo lunedì. Queste le parole del giocatore: «Come sto? Bene, sono guarito. L’infortunio è ormai solo un brutto ricordo. Sono pronto a ricominciare, mi sento molto bene e dopo due anni sono riuscito a farmi quindici giorni di vacanza e staccare la spina. Non sarò ancora al 100%, ma sono al 70, 80 %. Sarò pronto per il tredici agosto per la sfida di Coppa Italia. La prossima stagione? L’anno scorso per alcuni motivi abbiamo toccato il fondo, ora abbiamo voglia di rivincita. Vogliamo giocare un grande campionato. Il Milan? Ho saputo dell’interessamento e di certo fa piacere, ma il mio obiettivo è diventare grande con il Genoa. Caso Donnarumma? Un giocatore è un’azienda, abbiamo una famiglia a fianco e dobbiamo vedere anche loro. Le scelte di ogni giocatore devono essere rispettare, io ho sempre creduto che lui volesse rinnovare. Poi naturalmente merita le attenzioni che gli danno, perché ha i mezzo per fare una grande carriera. Bertolacci? Lo sento tutti i giorni, lo sto pressando. Vediamo. Un ritorno suo e di Mandragora? Entrambi sono calciatori da Genoa, sicuramente il loro arrivo permetterebbe ad altri ragazzi di comprendere il valore di stare qui. Pavoletti? Non so cosa farà, gli auguro il meglio. Se dovesse tornare, lo accoglieremo a braccia aperte. Se Simeone resta? So che si trova molto bene, gli piace vivere qui. Sul suo futuro, però, non dovete chiedere a me. Juric ha detto che vuole ripartire da me? Sono felice delle sue parole, sono pronto a prendermi le mie responsabilità. Abbiamo bisogno di gente motivata, di gente che ci faccia fare il salto di qualità. Come ho visto il mister? Lui ha grandi qualità manageriale, è consapevole degli errori e sa correggersi: ciò lo porterà a fare una buona stagione. La cessione della società? Noi siamo concentrati sul lavoro. Abbiamo voglia di ricominciare dopo la scorsa stagione. Poi è normale che conosciamo le vicende societarie. Sappiamo che il presidente farà il meglio per il Genoa».