Perisic a secco di gol e assist: l’Inter esce dalla crisi, lui ancora no

© foto www.imagephotoagency.it

La crisi dell’Inter e quella di Ivan Perisic vanno di pari passo: i numeri e le statistiche dell’esterno croato, a secco da mesi

Che fine ha fatto Ivan Perisic? I tifosi dell’Inter se lo chiedono da tre mesi e mezzo. Era l’inizio di dicembre, l’Inter batté cinque a zero il Chievo e Perisic fu immortalato sorridente mentre diceva ai compagni il risultato di Benevento-Milan. Da quel momento il croato è sparito e non è più riuscito a farsi valere. Lo dicono le statistiche: non segna da Inter-Chievo, non serve un assist dalla partita precedente, la vittoria per tre a uno a Cagliari. La partita con la Sampdoria servirà al croato anche per tornare a essere decisivo, oltre che all’Inter per riuscire a fare i tre punti in trasferta (l’ultima volta fu proprio a Cagliari a fine novembre). Luciano Spalletti ha detto che la condizione di Perisic non lo preoccupa, crede in lui e nelle sue capacità, un bell’assist da parte dell’allenatore.

Che ti succede, Perisic? I numeri di una crisi

È innegabile, però, che il calo di Perisic sia andato di pari passo col calo dell’Inter. L’unica differenza sta nelle ultime partite, in cui i nerazzurri sono tornati a vincere ma senza l’apporto spumeggiante dell’ex Wolfsburg. Per ora è ancora a sette gol e sei assist in Serie A, tutti messi a segno tra la fine di agosto e la prima giornata di dicembre. Una metà di campionato superlativa, in cui l’Inter è arrivata fino al primo posto in A, e un’altra da rivedere, in cui i nerazzurri sono a tredici punti in dodici partite. Se si mettono in mezzo anche le due sfide di Coppa Italia contro Milan e Pordenone, allora il bilancio si fa ancora peggiore. L’Inter ha bisogno del miglior Perisic, perché è lui il vero motore della squadra. Dai suoi piedi nascono gol importanti e assist per Mauro Icardi, non a caso anche l’argentino è a secco da un po’. A Genova con la Samp arriva l’occasione giusta.