Il retroscena curioso su Icardi: se ne frega totalmente di Juve, Milan e Napoli

icardi
© foto www.imagephotoagency.it

Sincero e cattivo: questo è Mauro Icardi, l’uomo che con la splendida tripletta contro il Milan ha conquistato l’Inter. Il grande segreto del bomber? Si disinteressa del calcio

Semplice, naturale e sincero. A questi aggettivi si potrebbero aggiungere anche stravagante, eccentrico e anche un po’ tamarro, non c’è dubbio, ma Mauro Icardi è così. Prendere o lasciare. L’uomo del derby, che ha fatto godere come poche altre volte nella storia i tifosi dell’Inter nella magica notte contro il Milan, è stato il grande protagonista di un weekend che lo ha visto primeggiare in Europa. Il bomber argentino, che Spalletti ha cercato di responsabilizzare ancora di più rispetto alle passate stagioni in nerazzurro, ha una grande forza interiore e non è mai ossessionato dalla tensione quando scende in campo.

Il motivo è molto semplice: non segue il calcio. Per Icardi non esiste la televisione, le partite e i talk-show in cui il pallone è al centro del dibattito. Men che meno i giornali. Maurito se ne frega e pensa solo all’Inter, agli allenamenti, alle partite e a raggiungere gli obiettivi che devono rendere grande lui e la sua squadra. Ed è questo il miglior pregio di Icardi, capace come pochi di isolarsi dalle tensioni che l’Inter genera.

Le parole sul Napoli e quelle del passato: questo è Icardi

Una dimostrazione di questa lontananza dal calcio l’ha data ieri sera, al termine del derby. Ai microfoni di Premium Sport Icardi, a fine partita, ha parlato anche della gara di sabato prossimo contro il Napoli. Quella cioè che può valere il sorpasso in testa alla classifica nei confronti degli azzurri in caso di successo. E l’argentino, proprio per testimoniare il fatto che non guarda partite di calcio, ha detto testuali parole: «Dicono che il Napoli sia la squadra che giochi il miglior calcio d’Europa». Come a dire: lo dicono gli altri, non io, che il calcio non lo seguo e penso solo e soltanto all’Inter.

La dichiarazione innocente dopo Inter-Milan, nella quale traspare lo scarso interesse di Icardi per il calcio, fa il paio con una lunga intervista a SportWeek risalente al 2015, nella quale Maurito a proposito di questo argomento fu molto chiaro: «Il calcio è uno sport che mi fa divertire, però ci gioco e basta. Le partite non le guardo mai e non so nulla di quello che succede nell’ambiente. Cosa ha fatto il Milan domenica? Non seguo la Serie A. Chi è arrivato in semifinale di Coppa Italia? Men che meno. Sono sempre stato così, sin da bambino. Alle giovanili del Barça vivevo praticamente dietro la porta del Camp Nou e i giorno di gara me ne stavo in camera a guardare film. Non solo l’unico, ci sono parecchi giocatori a cui non frega niente del calcio». Questo è il segreto di Icardi, che sa di non sapere. L’isolamento dal calcio lo rende speciale e fa di lui uno dei giocatori più forti al mondo. Senza tensione diventa tutto più semplice, soprattutto per quelli come lui, aiutati da una natura che li ha resi devastanti.