Rivelazione Cutrone: «Finii sotto i ferri per recuperare un pallone. Maldini il mio idolo»

Rivelazione Cutrone: «Finii sotto i ferri per recuperare un pallone. Maldini il mio idolo»
© foto www.imagephotoagency.it

L’attaccante del Milan Patrick Cutrone svela una curiosità relativa al passato e parla di Paolo Maldini

Patrick Cutrone ha rilasciato una lunga intervista dove parla a tutto tondo sulla sua esperienza al Milan. Il centravanti della cantera rossonera si sofferma su un episodio legato al passato, quando subì un’operazione dopo aver recuperato un pallone. Non solo: anche qualche dichiarazione sul tecnico Gennaro Gattuso e sui suoi punti di riferimento nel corso della sua carriera.

Ecco le sue affermazioni pubblicate da La Repubblica: «A 14 anni, mi ferii per prendere un pallone in un villaggio vacanze, in Puglia. Per scavalcare, mi faccio un taglio sotto l’ascella. Continuo a giocare, ma un mese dopo mi viene l’infezione a Manchester, durante un torneo. Vengo operato in anestesia totale da un medico, poi mi metto a pregare De Vecchi, l’allenatore: «Mister, mi dia qualche minuto in finale». Non potevo mancare all’Old Trafford, stadio mitico. Come San Siro, spero che Milan e Inter non si spostino; si respira la storia, sensazione indescrivibile, fin dalla prima volta». Sugli idoli: «Chi fa tanti gol. Morata, Inzaghi, Van Persie, Suarez. Però anche Maldini. Una volta venne a prendere suo figlio Christian: gli tesi il foglietto per l’autografo, non riuscivo a parlare». Su Gattuso: «Sa darci gli stimoli giusti, il Milan gioca bene. Allenarti per migliorare è l’unico modo per convincerlo a farti giocare di più».