Connettiti con noi

Hanno Detto

Sabatini: «Addio Salernitana non ancora metabolizzato. Sampdoria il mio rammarico»

Pubblicato

su

Sabatini

Il d.s. Walter Sabatini parla del suo addio alla Salernitana e della Sampdoria, suo rammarico

Walter Sabatini, direttore sportivo italiano, in una intervista a Il Secolo XIX ha parlato dell’addio alla Salernitana ma non solo.

SALERNITANA – «Non ho ancora metabolizzato la fine della mia storia con la Salernitana, dopo sei mesi di lavoro incessante… Ma non ne voglio parlare, dai».

OSTIROMEI E FERRERO – «Uno dei miei più grandi rammarichi professionali. Ho vissuto male quell’esperienza, perché sono stato fisicamente male. Ho dato un contributo ignobile, irrilevante. Per fortuna avevo il sostegno di Massimo Ienca e Carlo Osti, mi “coprivano”, mi aiutavano. Carlo lo conosco da anni. Valore aggiunto della società. Preparato, sa tenere insieme i pezzi, lavorare d’anticipo sui sentimenti delle persone. Ha portato alla Samp risultati rilevanti, tanti mercati in attivo, lui ha rapporti con tutti i dirigenti del calcio italiano. È un uomo di una onestà brutale e mi riferisco alla sua pulizia morale nei rapporti interpersonali. Non posso non citare poi l’alta qualità di Antonio Romei, la freschezza e la competenza del responsabile dello scouting Baldini, che conosco bene. E un pensiero per Ferrero, con lui ho avuto un pesante scazzo in un post-partita, ma lo ringrazio per avermi voluto».

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE SU SAMP NEWS 24