Sarri: «Vedo un Napoli più motivato in Serie A rispetto alla Champions»

Sarri Napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Sarri a 360° dopo Napoli-Inter con annessa risposta alla battuta di Spalletti che lo ha definito ‘Ministro dell’Economia’

Maurizio Sarri ha rilasciato queste dichiarazioni al termine del pareggio ottenuto contro l’Inter per 0-0. Queste le parole del tecnico del Napoli: «Handanovic è un portiere di livello straordinario, forse al momento il più forte del mondo. Era nella normalità che facesse una grande partita e ha fatto interventi straordinari. Ci siamo trovati di fronte una squadra forte, abbiamo cercato di cambiare i centrocampisti nel secondo tempo per vedere se eravamo in grado di protrarre questa pressione e abbiamo fatto bene. Avevamo di fronte un avversario di grande livello. Insigne oggi non sentiva dolore e abbiamo deciso di farlo giocare in una gara importante. La denuncia sui cori? Mi arrabbio perché ci sono delle forme di razzismo a cui vengono prestate più attenzioni, se a noi dicono «terroni» o «Vesuvio lavali col fuoco» invece non è la stessa cosa. Era una gara difficile da sbloccare e avremmo potuto far meglio in alcune occasioni».

Prosegue Sarri: «La Champions? Vedo la mia squadra con più motivazioni in campionato rispetto all’Europa. Oggi abbiamo fatto una grande partita per 90 minuti, a Manchester lo abbiamo fatto per 55 minuti, quindi ho visto qualcosa di meglio questa sera. Oggi non eravamo in difficoltà a livello fisico. Posso intervenire quanto voglio ma se nell’inconscio di una persona scattano certe molle non è semplice intervenire. Non abbiamo tutte queste chance di arrivare in fondo alla Champions ma vogliamo comunque fare un grande torneo. Sono due punti persi a livello di occasioni, ma pensiamo alla prestazione della squadra e se proseguiremo su questo livello poche squadre faranno punti al San Paolo. Che ministro sarebbe Spalletti? Direi ministro della Difesa dopo questa sera».