Serie A 2018-2019, ecco le nuove fasce orarie delle partite

Serie A
© foto www.imagephotoagency.it

La Serie A 2018-2019, che prenderà il via il 18 agosto, avrà delle nuove fasce orarie che si aggiungono a quelle già esistenti in cui si disputeranno le gare.

Tra poco più di un mese prenderà il via la nuova stagione di Serie A. Intanto, le società hanno iniziato la preparazione atletica e i dirigenti stanno cercando di puntellare le rose con nuovi innesti prima della chiusura del calciomercato prevista per venerdì 17 agosto alle ore 20. La nuova stagione porta con sé, difatti, alcune novità: il calciomercato non terminerà il 31 agosto, ma chiuderà i battenti prima dell’inizio del campionato, la cui prima gara si disputerà sabato 18 agosto. Le squadre, dunque, dovranno trovare le pedine giuste prima della partenza, come già accade in Inghilterra.

Un’altra novità in arrivo con l’inizio del prossimo torneo è la programmazione delle partite. I tifosi che già nella scorsa stagione hanno visto l’introduzione del VAR, una delle innovazioni più importanti nel mondo del calcio, quest’anno si troveranno difronte a nuovi orari in cui si disputeranno i match. Il cosiddetto “spezzatino”, difatti, si arricchisce con nuove fasce orarie che da cinque passano ad otto. Alle confermate fasce del sabato pomeriggio e sera e della domenica alle 12, pomeriggio e sera si aggiungono: sabato alle 15, domenica alle 18 e lunedì sera. Già nel corso dei precedenti campionati i tifosi hanno assistito ad alcune gare in quest’ultime finestre di programmazione, ma da quest’anno per il prossimo triennio 2018-2021 queste fasce diventeranno fisse. Inoltre, il fischio d’inizio dei posticipi serali è stato anticipato dalle 20:45 alle 20:30.

Anche i turni infrasettimanali, infine, subiranno dei cambiamenti con due gare alle 19 il mercoledì e il giovedì, mentre le restanti otto si disputeranno alle 21, una il martedì, sei il mercoledì e una il giovedì. La Lega, però, in merito a tali nuove fasce orarie, ha comunicato che si riserverà il diritto di rettifica in modo da tutelare le società, soprattutto quelle che prenderanno parte alle competizioni europee.