Monchi vicinissimo alla Lupa: «Se non ci saranno colpi di scena, ripartirò da Roma»

48
Roma
© foto www.imagephotoagency.it

Il Siviglia è diventato un top club a livello europeo grazie al suo lavoro, adesso i tifosi della Roma sperano che Monchi conduca agli stessi trionfi i giallorossi

Il binomio Monchi-Siviglia si è spezzato dopo 27 anni insieme, adesso il direttore sportivo spagnolo è pronto a tuffarsi in una nuova avventura. La Roma appare in netto vantaggio rispetto a Paris Saint Germain e altre concorrenti, come rivela lo stesso diretto interessato ai taccuini del quotidiano spagnolo AS: «Non siamo ancora arrivati alla chiusura della trattativa, ma siamo vicini. Se non ci saranno colpi di scena, ripartirò da Roma. Ma adesso non c’è niente di definitivo senza le firme, quindi non mi sbilancio. Ricordo che Marcelo era in viaggio per venire a firmare col Siviglia, poi andò al Real Madrid. Sirene iberiche per me? Nessuno mi ha chiamato in maniera diretta, sono stato contattato da qualche intermediario che mi ha manifestato interesse. In Spagna non lavorerò per nessun club che non sia il Siviglia, sono stato, inoltre, contattato da top club stranieri. Unai Emery nuovo allenatore della Roma? Ho parlato con lui, ma non c’è nulla in procinto nel medio periodo. Per 3 anni è stato il tecnico ideale per il Siviglia, spero che continui ancora a lungo con il Paris Saint Germain». E se le vie del mercato sono infinite, quelle romane, a questo punto, le percorrerà proprio Monchi.

 

Condividi