Allegri e la sua filosofia: «Io aziendalista, ottimista di fronte a una cessione»

valentina allegri massimiliano giorgio juventus
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore della Juventus ha parlato della sua filosofia e del suo comportamento di fronte a delle cessioni. Ecco le parole di Allegri

Che tipo di allenatore è Massimiliano Allegri? Il tecnico della Juventus, campione di tutto in Italia con il club bianconero, uno degli allenatori più vincenti della storia juventina, è spesso stato considerato un allenatore aziendalista. Max da Livorno ha parlato a “calcioefinanza” raccontando il suo modo di essere: «Io aziendalista? Dobbiamo portare a casa i migliori risultati, le società di calcio ormai sono aziende. L’essere aziendalista significa lavorare in quest’ottica per l’azienda. Quando, in passato, mi sono state annunciate delle cessioni importanti, anche importanti all’interno del gruppo, non sono mai stato pessimista ma sempre realista. Io credo che la nostra capacità debba essere soprattutto quello di far emergere la parte buona nella negatività. Io ho lavorato sempre in base ai piani della società ma mettendo la proprietà di fronte alla realtà. Il mio staff? Ho dei bravi collaboratori, ho cercato delle persone che nei loro campi siano molto bravi, anche più di me. Io sono uno che delega molto anche perché non ho la possibilità di gestire tutto». Chiosa finale sul ruolo dell’allenatore-manager: «C’è quasi una fobia in Italia. Per me l’allenatore deve collaborare con la società non deve essere un manager, conta essere realisti analizzando al meglio la situazione per capire poi quali sono i rispettivi compiti».