Il miracolo di Antonio Conte al Chelsea

conte chelsea
© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Conte in cima alla Premier League: ecco come l’ex c. t. azzurro ha ricondizionato un Chelsea scarico dopo la scorsa stagione

Dopo un’inevitabile partenza a rilento con qualche prevedibile ostacolo Antonio Conte sta regalando ottimi risultati al Chelsea, che da una deludente stagione, quella del 2015-16, si trova a primeggiare nella classifica della Premier League. Arrivato quest’estate dopo due anni da allenatore della Nazionale Italiana, con il 5 a 0 di Novembre contro l’Everton, in quella che è risultata in assoluto la migliore partita della nuova stagione, Conte si è rivelato l’uomo adatto a ritirare su le sorti della squadra londinese. Già con il 4 a 0 del 23 Ottobre contro il Manchester United di Mourinho il c. t. aveva lasciato intendere la sua volontà di raggiungere grandi risultati, ma la scelta decisiva è stata senza dubbio quella di mettere in campo il modulo 3-4-3. Il modulo già impiegato diverse volte sia con la Juventus sia con la nazionale italiana, che dà la possibilità di far giocare il maggior numero di esterni possibili, si è rivelato perfetto per la squadra del Chelsea che prima del suo utilizzo aveva perso contro Arsenal e Liverpool e che successivamente ha segnato 16 gol subendone soltanto 2.

Il miracolo di Antonio Conte al Chelsea: questione di modulo e uomini

Con il 3-4-3 Conte è riuscito a tirare fuori il meglio da tutta la rosa, dando il giusto spazio anche a quei giocatori che nella stagione precedente non erano riusciti ad emergere, come il nigeriano Victor Moses che con Mourinho non aveva mai dato il meglio di se mentre adesso gioca titolare con quattro gol all’attivo. Conte sta dimostrando che i grossi investimenti non garantiscono un sicuro riscontro sul campo se gli acquisti non sono mirati e non vengono poi indirizzati al meglio. Il Chelsea che può contare infatti, su disponibilità economiche superiori a quelle di molte altre squadre europee, ha da anni nella sua rosa tra i nomi più interessanti e più forti della Premiere League, ma nonostante ciò lo scorso anno ha disputato un pessimo campionato posizionandosi decimo in classifica senza riuscire a qualificarsi nemmeno per l’Europa League. La ragione della disfatta della stagione scorsa è da addebitarsi senz’altro alla carente forma fisica dei suoi giocatori più importanti (Costa, Hazard e Ivanovic) ma anche alla difficoltà di Mourinho prima e di Hiddink dopo, di gestire la squadra. Il c. t. italiano, reduce da un campionato europeo in cui la nazionale ha giocato al di sopra di ogni aspettativa, al suo arrivo nella panchina inglese ha sì investito 130 milioni in modo mirato, acquistando il centrocampista francese N’Golo Kanté, l’attaccante belga Michy Batshuayi e il difensore David Luiz, ma ha soprattutto valorizzato e trovato i nomi già presenti nella rosa del Chelsea. Grazie a Conte oggi Eden Hazard ha ritrovato la libertà di cui necessitava per potersi concentrare all’attacco, Diego Costa non trovandosi più da solo può gestire meglio il gioco, come si può ben vedere dall’eccellente sistema di attacco del Chelsea, dove i risultati parlano da soli con Diego Costa che ha piazzato ben 15 reti e Hazard 9. Il Chelsea presenta ben 8 punti di distacco dalla seconda in classifica e consultando le quote su 888sport vi renderete facilmente conto di quanto questa squadra sia la favorita quest’anno per sollevare il trofeo a fine stagione. Per non parlare della difesa, praticamente impeccabile grazie all’aiuto della coppia di centrocampisti Kanté e Nemaja Matic. C’è chi parla di Premier League già conclusa ma è bene andare cauti con le previsioni poiché mancano ancora diverse partite alla conclusione del campionato inglese, possiamo però affermare che Antonio Conte sta dimostrando di essere un grande allenatore e un ottimo manager.