Berlusconi dice la sua: «Ventura e Tavecchio non sono i soli colpevoli»

Iscriviti
silvio berlusconi-presidnte-cessione-milan
© foto www.imagephotoagency.it

Silvio Berlusconi ha parlato delle recenti novità in casa Figc, dall’esonero di Ventura alle dimissioni di Tavecchio

Dopo l’esonero di Ventura da ct della Nazionale e le dimissioni di Tavecchio da presidente della Figc, l’ex patron del Milan, Silvio Berlusconi, ha detto la sua: «Erano scelte inevitabili, è bene che il calcio, come altre cose, riparta da zero. Ma sarebbe sbagliato fare di Tavecchio e Ventura i soli colpevoli. E’ poi un errore prendersela con gli stranieri, l’ideale è che le società li utilizzino per far crescere gli italiani e non per sostituirli» le parole rilasciate a ‘Matrix 105’ di Radio 105.

Berlusconi ha poi proseguito: «Anche nel mio Milan c’erano tanti stranieri come Gullit, Van Basten, Rijkaard, Shevchenko, Kakà, Ibrahimovic, ma sempre affiancati da campioni italiani come Baresi, Costacurta, Tassotti, Maldini, Inzaghi, Gattuso e tanti altri. Ora si deve lavorare tutti insieme e mettere da parte le polemiche. Lo dico da tifoso, da imprenditore e da politico. La mancata qualificazione ai Mondiali è un grave danno d’immagine, peccato: basti pensare che in Russia c’è una grande simpatia per il Made in Italy».