Calvo avverte il Milan: «Cina, pochi ricavi». No comment su Agnelli

© foto Francesco Calvo

Dopo l’addio alla Juventus, Francesco Calvo è ripartito dal Barcellona, in cui è il responsabile dei ricavi. Ecco le sue parole a margine del Forum Sport e Business del Gruppo 24 Ore

Dopo la Juventus, il Barcellona: Francesco Calvo è il responsabile dei ricavi del club blaugrana ed ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine del Forum Sport e Business del Gruppo 24 Ore. A partire dalla situazione Spagna-Catalogna: «In Spagna e in Catalogna il momento è particolare: a Barcellona facciamo calcio e questo continueremo a fare. La nostra posizione è molto chiara: il Barca gioca nella Liga e qui resterà». Poi un commento sulla sua ex squadra: «La Juventus è tra le favorite in Champions League, la sconfitta nei quarti di finale della passata stagione ci ha lasciato l’amaro in bocca. La vittoria di quest’anno per 3-0 non ha la stessa importanza». Nessun commento, invece, sull’inibizione di Andrea Agnelli.

Francesco Calvo ha poi commentato l’evoluzione del mercato cinese, un avvertimento per il Milan: «Si parla molto dello sfruttamento del mercato cinese, ma i ricavi sono inferiori rispetto alle aspettative di alcuni club italiani. E’ un mercato molto particolare: solo Barcellona, Real Madrid e Manchester United riescono a generare ricavi, è un mercato orientato su se stesso. Le aziende della Cina non hanno bisogno e necessità di farsi conoscere nel mondo: il mercato domestico è molto importante. Il calcio è un veicolo di comunicazione, ma il numero di squadre che possono entrare in Cina è molto limitato».