Chelsea-Roma: Di Francesco per spezzare la maledizione inglese

di francesco roma chelsea-roma
© foto www.imagephotoagency.it

Chelsea-Roma è già una gara fondamentale per la stagione dei giallorossi: a Di Francesco il compito di sfatare il tabù inglese

Attraversare la Manica per conquistare l’Inghilterra e un pezzo di qualificazione: è questa la missione della truppa romanista capeggiata da Eusebio Di Francesco. Un’impresa più semplice a dirsi che a farsi visto che in Champions League la Roma non ha mai vinto in casa delle squadre inglesi. Il bilancio è clamorosamente in passivo: su 8 incontri disputati sono arrivate 6 sconfitte e 2 pareggi, il più recente in casa del Manchester City grazie all’ultima rete europea di Francesco Totti.

Il bilancio è reso meno amaro se si guardano le statistiche relative all’Europa League/Coppa UEFA, grazie soprattutto alla vittoria in casa del Liverpool firmata Gianni Guigou e che risale alla stagione 2000/01. Una vittoria inutile ai fini del passaggio del turno (all’andata la Roma perse 2-0 in casa) e che migliora di poco un bilancio più che negativo con 3 sconfitte e 2 pareggi nelle restanti partite giocate, nonostante gli avversari di turno fossero formazioni non così blasonate come Fulham o Middlesbrough.

Il gol di Giugou contro il Liverpool: l’unica vittoria della Roma in terra inglese

Chelsea-Roma: anche Dzeko vuole sfatare un tabù

Visti i precedenti, un vittoria in casa del Chelsea avrebbe il sapore di una impresa storia che spezzerebbe l’incantesimo inglese. In tema di tabù da sfatare c’è anche quello personalissimo di Edin Dzeko. Il bomber bosniaco, quando giocava in Premier League con la maglia del Manchester City, non è mai riuscito a segnare ai Blues nei 9 incontri disputati. Antonio Conte nella conferenza stampa della vigilia ha detto di temere il collettivo della Roma ma in queste grandi è sempre decisiva la zampata del campione ed è inevitabile che i tifosi giallorossi ripongano le loro speranze di vittoria, anche, nei gol del numero 9.

Eusebio Di Francesco è chiamato all’impresa ma anche lui dovrà guardarsi dai fantasmi del suo passato. Il tecnico abruzzese infatti ha in Antonio Conte la sua bestia nera. Nessuna vittoria nei quattro precedenti contro l’ex allenatore della Juventus, solo un pareggio in Serie B quando Di Francesco allenava il Pescara e Conte sedeva sulla panchina del Siena. All’allenatore della Roma basterà una notte per cancellare le paure e sfatare i tabù?