Chievo, Di Carlo: «Senza Pellissier? Non importa, vogliamo l’impresa»

Chievo, Di Carlo: «Senza Pellissier? Non importa, vogliamo l’impresa»
© foto www.imagephotoagency.it

Domenico Di Carlo, mister del Chievo, nella conferenza stampa tenutasi alle 13:15 all’Hotel Veronello ha parlato del pre partita contro la Roma. Ecco le sue parole

Di Carlo con il suo Chievo non dimostra per niente preoccupazione nonostante sia ultimo nella classifica, infatti dice: «Chievo senza Pellissier? E’ un dispiacere non avere il capitano in campo, però tutti i giorni ha dato la carica alla squadra. Speriamo che chi lo sostituirà farà bene, ma ne sono convinto perché si sono allenati tutti con grande intensità. Per il recupero è presto. Sergio è un ragazzo che ti sorprende anche nei recuperi, magari in una settimana cambia tutto. Dobbiamo andarci con i piedi di piombo, ma l’importante è ci sia vicino. Tutti i miei attaccanti, a parte Pellissier, stanno bene. Alla domanda sulla possibile formazione e sullo schieramento in campo dei nuovi risponde: «Se avessimo 22-23 punti sarebbe diverso, ma con la classifica che abbiamo io devo guardare chi sta bene e capire chi potrebbe essere il migliore. Schelotto potrebbe giocare dall’inizio, gli altri potrebbero subentrare.

Gli viene poi fatta una domanda più diretta sulla preparazione contro la Roma e come pensa di affrontarla. Di Carlo: «A Roma, per fare risultato dovremo essere perfetti e soprattutto più maturi. Sono convinto che domani metteremo in campo una prestazione perfetta. Il Chievo è una squadra che combatte e che provoca emozioni, una squadra che c’è, che è presente. Il Chievo deve puntare davanti a sé e all’impresa. Sono convinto che ci salveremo perché nell’ultimo periodo abbiamo fatto sempre grandi prestazioni. Se giochiamo da squadra gli attaccanti avranno la possibilità di concretizzare di più. I nostri tifosi che verranno allo stadio troveranno una squadra che non molla di un centimetro. Dioussé può partire titolare perché ha già giocato nel 4-3-1-2 e ha le caratteristiche giuste per partire subito anche se dovrà accelerare il suo inserimento in squadra».