De Laurentiis-Sarri, si tratta: giovani, ingaggio e clausola sul tavolo

sarri de laurentiis napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Il futuro di mister Maurizio Sarri al Napoli è legato al doppio filo dall’esito del dialogo col presidente Aurelio De Laurentiis

Il contratto che lega Sarri al Napoli scadrà nel 2020, al suo interno però c’è una clausola rescissoria da 8 milioni di euro che non lascia indifferenti i club inglesi. Motivo per cui la volontà del Napoli di Aurelio De Laurentiis è rinnovare il contratto del tecnico toscano, raddoppiandogli l’attuale stipendio da 1,4 milioni di euro ed eliminando la suddetta clausola. Il tecnico ha più volte dichiarato che molto dipenderà dalle sue motivazioni, piuttosto che da pretese economiche e che ogni discorso sarà rimandato dopo il 20 maggio.

L’edizione odierna de Il Mattino, però, nel mentre ha reso noti quelli che sono, e saranno, i temi di discussione tra il tecnico ed il Presidente. Rinnovando i contratti di Allan e Chiriches, e lavorando su quelli di Jorginho ed Hysaj, ADL ha dato prova della sua volontà di non smantellare la rosa partenopea ma Sarri ha chiesto anche di migliorare le strutture del centro di allenamento di Castel Volturno. Ci sarà, quindi, da valutare la comunione d’intenti sul mercato, tenendo conto che la società vorrebbe continuare ad investire sui futuri campioni mentre per vincere c’è bisogno di gente che lo sia già. I 4 milioni di stipendio richiesti dall’allenatore, dunque, sono soltanto l’ultimo dei nodi da sciogliere per dirsi ancora “sì”.