De Vrij e il mistero Lazio-Inter: Inzaghi lo prova tra i titolari

de vrij lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Stefan de Vrij è ancora in bilico per Lazio-Inter, anche se Simone Inzaghi lo ha provato tra i titolari. Attenzione ai precedenti di Lionello Manfredonia e José Castillo

Lazio-Inter vale la Champions League. Alla Lazio basta un pari per poter accedere alla fase a gironi di UCL, che manca da dieci anni precisi. All’Inter, invece, serve per forza una vittoria. Tra Inter e Lazio corre buon sangue a livello di tifoserie, ma tra le dirigenza potrebbe esserci stato qualche screzio per il caso Stefan de Vrij. L’olandese, in scadenza coi laziali, è stato preso dai nerazzurri che hanno da poco depositato il contratto. Giocherà Lazio-Inter o no? Inzaghi inizialmente aveva detto di volerlo tenere fuori, dato che per de Vrij è ancora più complicata la partita. Ieri, però, c’è stato un piccolo dietrofront: il tecnico ha schierato il difensore olandese tra i titolari nel test in famiglia a Formello. Si va quindi verso una clamorosa possibilità, ovvero quella di vederlo dal primo minuto contro tutti i pronostici della vigilia.

Inzaghi aveva escluso de Vrij da Lazio-Inter ma lo aveva fatto dopo il pari di Crotone. Probabilmente ci ha ripensato perché non può giocare la gara più importante dell’anno senza il suo miglior difensore, anche se questi ha già firmato con gli avversari. Il calcio italiano offre due gustosi precedenti simili a quello dell’olandese. Il più recente è del gennaio 2010 in Fiorentina-Bari. I viola schierano José Castillo, che il giorno dopo andrà a firmare proprio coi pugliesi: il centravanti segna il gol decisivo, non esulta e in seguito viene espulso per un brutto fallo. Anche Lionello Manfredonia fu protagonista di un affare particolare nel 1984-85. Ultima giornata, Lazio-Juventus. Manfredonia aveva già firmato con la Juve ma giocò titolare con la Lazio e fu tra i migliori, il 3-3 finale condannò la Vecchia Signora al sesto posto. La Juve venne comunque ammessa alla Coppa dei Campioni dell’anno successivo grazie alla vittoria all’Heysel.