Fassone fa mea culpa e si scusa con il Torino: ecco perché

fassone milan
© foto www.imagephotoagency.it

L’amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, ha chiesto scusa al Torino per una seconda volta. Ecco i fatti

Il Milan in estate ha tentato l’acquisto di Belotti. Il centravanti del Torino, blindato da una clausola da 100 milioni di euro, era nel mirino dei rossoneri. Il giocatore, da sempre tifoso del Milan, è stato tentato dal richiamo del ‘suo’ club ma il Torino non ha mai mollato e ha sempre preteso i 100 milioni della clausola. Il Milan non ha mai messo sul piatto tale cifra e l’affare non si è chiuso. Il Toro in estate non ha gradito l’atteggiamento milanista e Fassone avrebbe chiamato il Torino per scusarsi.

Mirabelli, proprio ieri, ha parlato così del mancato approdo del Gallo in rossonero: «E’ risaputo, abbiamo cercato di portarlo a Milano, è stata una cosa abbastanza difficile per diversi motivi, ma è un giocatore forte ed è un tifoso milanista e chi lo sa, magari un giorno potrà indossare la maglia che sogna da bambino». Dopo il primo ‘mea culpa’ estivo, l’ad milanista Fassone ha chiamato il Torino per scusarsi, una seconda volta. A riportarlo è “Tuttosport“.