Garcia: «Roma, ho provato a portare Strootman al Marsiglia»

garcia roma
© foto www.imagephotoagency.it

Garcia – Strootman: l’ex allenatore della Roma ammette di aver fatto un tentativo nel corso della sessione di calciomercato di gennaio per portare Kevin Strootman all’Olympique Marsiglia. In una intervista il tecnico francese ricorda anche quando l’olandese arrivò in giallorosso…

Un amore nato e, evidentemente, mai finito quello tra Rudi Garcia e Kevin Strootman: l’ex allenatore della Roma, qualche anno fa, aveva fortemente voluto in giallorosso il centrocampista olandese e, a gennaio, ha provato perfino a portarlo con sé nella sua nuova avventura all’Olympique Marsiglia. Non si tratta di una semplice indiscrezione di mercato, visto che ad ammetterlo è stato proprio il tecnico francese, ieri, nel corso di una intervista per il Journal du Dimanche: «Se abbiamo provato a prendere Strootman a gennaio? Beh sì, l’abbiamo fatto, ma alla fine pare che sia impossibile comprarlo – le parole di Garcia – . Posso dire che semmai in futuro dovesse aprirsi una sola possibilità di averlo qui al Marsiglia, allora io stesso sono pronto ad andare a prenderlo in auto». Possibilità per il momento un po’ lontana, visto che è vero che Strootman ha un contratto in scadenza con la Roma al termine della prossima stagione, ma è pure vero che le trattative per il suo rinnovo di contratto sono in stato molto avanzato. La Lavatrice (il soprannome fu dato a Strootman dallo stesso Garcia, che sottolineava la capacità dell’olandese di recuperare palloni in mezzo al campo per trasformarli in azioni d’attacco) dovrebbe firmare un prolungamento da 3 milioni di euro netti l’anno più uno bonus (ne aveva chiesti circa 4 netti).

Marsiglia, Garcia su Strootman: «Roma, che faticaccia prenderlo!»

Nella medesima intervista Garcia ha ricordato anche come prendere Strootman, quattro anni fa, dal PSV Eindhoven, fu per la Roma un sacrificio enorme: «È probabilmente l’acquisto più complicato che io ricordi… Lo chiamai diverse volte e per convincerlo gli feci il nome di altri acquisti giallorossi, gli spiegai anche come volevo farlo giocare dettagliatamente. Lui era già capitano della nazionale olandese in molte partite e voleva giocare in Champions League, la Roma però all’epoca non era nemmeno in Europa League! Alla fine scelse i giallorossi e, nonostante abbia subito un paio di infortuni molto gravi, penso proprio che non si sia mai pentito di quella scelta».