Giovanni Simeone spacca il River Plate: «Genoa? Dovevamo venderlo al Milan!»

simeone gol genoa
© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Simeone spacca il River Plate: i membri del consiglio del club argentino si scagliano contro il presidente per la cessione al Genoa. E il Milan…

Giovanni Simeone, attaccante argentino classe 1995, figlio di Diego Pablo, allenatore dell’Atletico Madrid, ex centrocampista, fra le altre, di Lazio e Inter, si sta comportando molto bene al suo primo anno in Italia. Il giovane centravanti in estate ha lasciato l’Argentina e il River Plate per sbarcare al Genoa. Almeno per la prima stagione, l’attaccante avrebbe dovuto essere la riserva di Pavoletti e così è stato nei primi mesi della stagione ma il trasferimento di Pavoloso a Napoli ha consegnato a Simeone jr i crismi della titolarità. Il giocatore ha realizzato 10 gol in pochi mesi e al River Plate si interrogano sulla mossa del presidente D’Onofrio, colpevole di aver ceduto il Cholito per pochi spicci (circa 5 milioni di euro). Uno dei consiglieri del River, Jorge Sonzogni, ha attacco D’Onofrio. Queste le parole riportate dal “Secolo XIX“: «Perché non si è aspettato ancora un po’ per venderlo tutto? visto che già ci sono club come il Milan che si sono interessati a lui e la sua valutazione è già oltre i 10 milioni?». Le prestazioni del Cholito non sono passate inosservate nemmeno in Patria.