Cordoba su Calciopoli: «Tragedia per il calcio, Inter senza colpe»

© foto www.imagephotoagency.it

A distanza di 11 anni, Calciopoli continua a fare discutere. Intervistato da Premium Sport, l’ex Inter Ivan Ramiro Cordoba è tornato sul 5 maggio 2002 ma non solo…

Calciopoli, 5 maggio 2002 e un sistema marcio condannato dalla giustizia: Ivan Ramiro Cordoba, ex Inter, è tornato sull’argomento. Ecco le parole del colombiano a Premium Sport: «Il 5 maggio l’abbiamo dimenticato, anche se ho un problema in testa: una parta di dice di parlare, l’altra no. La memoria va rinfrescata: non che noi non abbiamo visto, ma ci sono stati episodi successi con dei fatti. Nel frattempo c’era UdineseJuventus, un compagno di nazionale dopo quella partita è venuto da me e mi ha detto che senza alcun motivo quattro titolari sono stati mandati in tribuna. Noi non abbiamo vinto perché non avevamo la carica necessaria per vincere, era tutto nelle nostre mani, ma se non ci fossero stati altri episodi sarebbe stata un’altra storia».

Continua l’ex difensore dell’Inter, parlando del sistema Calciopoli: «Sembra che sia stata l’Inter a scatenare una cosa così clamorosa, che sia colpevole di una tragedia per il calcio italiano. Ciò che è accaduto in quegli anni deve essere una vergogna per il calcio italiano, punto. Fare quello che hanno fatto determinate persona, sapendo che vai a vedere una partita ed altre persone sanno già come andrà a finire, non esiste. Non bisogna scordarlo, altrimenti si tornerà a fare le stesse cose».