Juventus, Andrea Agnelli: «Sconfitta che brucia ma orgoglioso dei nostri ragazzi»

juventus calciopoli
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente Andrea Agnelli parla dopo la sconfitta in finale di Champions League: «Ripartiremo con cattiveria»

La Juventus è uscita sconfitta per 4-1 nella finale di Champions League contro il Real Madrid. La delusione in casa bianconera è forte e dopo le parole del capitano Gigi Buffon direttamente dal campo, sono arrivate anche quelle del presidente Andrea Agnelli che ha parlato ai microfoni di Premium Sport: «La delusione c’è ma giocare queste partite testimonia che abbiamo raggiunto una dimensione europea e questa deve essere una spinta per fare ancora meglio l’anno prossimo. Purtroppo questa è una competizione in cui non si può sbagliare nemmeno per 20′ minuti. Sulla stagione della Juventus: «L’annata ci rende orgogliosi peccato per il finale ma ci darà la cattiveria giusta per ricominciare la prossima stagione, è anche un messaggio per i nostri avversari: la sconfitta ci ridà quella cattiveria che serve per ripartire. Cosa ho detto ai ragazzi in campo? Ho voluto testimoniare la mia vicinanza ad ognuno di loro, sono orgoglioso dei nostri ragazzi». Sul calo della Juventus nel secondo tempo: «Non è il momento di fare analisi tattiche, non giudico la mia squadra per 20′ minuti, giudico la stagione e quella è stata assolutamente positiva. Cosa manca per vincere? Nei prossimi giorni ci confronteremo per guardare alle nostre carenze ma non è il momento di fare drammi. Dopo sei scudetti e tre coppe Italia di fila bisogna analizzare le cose con serenità, c’è sicuramente chi sta peggio di noi».