Juventus, Marchisio: “Inter? Con noi sarà  motivata”

© foto www.imagephotoagency.it

La Juve è sola in testa alla classifica dopo otto partite. Non accadeva dalla stagione 2005/06, quando la formazione allora guidata da Fabio Capello aveva addirittura centrato otto successi consecutivi. Claudio Marchisio allora era ancora in Primavera, ma già  si allenava con i “grandi” e sognava di riuscire ad emularli, un giorno. Beh, quel giorno è arrivato e ora è lui ad essere un esempio per i ragazzi. Il carattere però è quello di sempre: tanto grintoso e caparbio in campo, quanto umile e con i piedi per terra lontano dal terreno di gioco. E infatti, il primato in solitaria non lo smuove: Ã?«Lassù si sta bene, anche se c’è un po’ di rammarico per i punti persi perchè il distacco dalle altre poteva essere maggiore- spiega durante il Filo Diretto di Juventus Channel – E’ stato importante vincere contro la Fiorentina, abbiamo giocato bene nel primo tempo, ma non siamo riusciti a chiudere la gara e sembrava quasi di rivivere la partita contro il Genoa. Questa volta però siamo riusciti a tenere il risultato e a portare a casa tre punti importantiÃ?».

La stagione di Claudio è partita alla grande: già  tre gol realizzati e spesso tra i migliori in campo. Evidentemente il nuovo modulo disegnato da Conte gli calza a pennello: Ã?«Giocando in un centrocampo a tre ci sono più possibilità  di inserirsi e non è un caso che i miei gol siano arrivati quando eravamo schierati con quel modulo. Con un centrocampista in più pressiamo più alti. Questo ci permette di recuperare prima il pallone e anche se sembra che si corra di più, in realtà  abbiamo meno campo da percorrere per arrivare in porta. E’ stando lì davanti tutti uniti, con la difesa brava ad accorciare la squadra, che siamo riusciti a fare un primo tempo come quello contro la Fiorentina, durante il quale ci siamo divertiti parecchio. Conte ci ha trasmesso convinzione ed è grazie a questo se riusciamo a ripetere in partita quanto proviamo giorno dopo giorno in allenamentoÃ?».

Il tecnico ripone grande fiducia in Claudio e sa come ottenere il massimo da lui. La dimostrazione arriva anche da un aneddoto che svela lo stesso Marchisio: Ã?«Contro la Fiorentina avevo male alla spalla e credevo di non farcela. Una sua frase: “Non mi mollare ora”, mi ha dato grande carica. Sono piccole cose, ma molto importanti per un giocatore e ti aiutano a dare quel qualcosa in piùÃ?».

Quel qualcosa in più Claudio l’ha dato martedì sera e ora vuole fare altrettanto sabato, contro l’Inter: Ã?«E’ una partita di cui non mi fido, perchè l’Inter ha iniziato male il campionato, ma contro di noi avrà  grandi motivazioni. E’ una grandissima squadra, con un’ottima rosa e sarà  una partita combattuta. Loro alzeranno il ritmo per non farci giocare, ma abbiamo la qualità  per continuare sulla nostra strada anche a San SiroÃ?».

Fonte: juventus.com