La Lazio macina record: staordinario il passo tenuto dai biancocelesti

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

É una Lazio da record, continua a volare in classifica e ad abbattere i record. Contro il Benevento può arrivare il nono successo esterno di fila

Questa Lazio sembra non avere limiti, meraviglia in campo mettendo a tacere le polemiche dei giorni passati e facendo rientrare immediatamente il “caso Lulic-Inzaghi“.
Da Bologna a Benevento ora l’obiettivo comune è consolidare il terzo posto, sperando, magari, in un passo falso della Juve impegnata sabato pomeriggio contro il Milan. Nel mirino ci sono la sesta vittoria consecutiva in A, la nona in gare ufficiali (due in Europa League) e l’ottava vittoria in trasferta di fila.

Una sinfonia che Simone Inzaghi non vuole interrompere, mai negli ultimi 25 anni la Lazio aveva vinto sette gare ufficiali tra campionato e coppa lontano dal suo stadio. Contro il Benevento torneranno “Gli Irriducibili” (assenti al Dall’Ara per polemiche con la società) e dal settore ospiti arriverà la spinta per cercare il nono successo in undici gare di campionato che proietterebbe la società capitolina tra le papabili per lo Scudetto.

Funziona tutto in questa Lazio, difesa centrocampo e attacco girano alla perfezione: Milinkovic e Parolo corrono allo sfinimento per recuperare palloni, Luis Alberto ha agganciato Perisic in cima alla classifica degli assist-man (5), senza dimenticare Nani che è entrato molto bene in campo a Bologna sfiorando il terzo gol.
Bastos-De Vrij-Radu compongono un terzetto insuperabile, addirittura 36 i palloni recuperati dall’angolano, record in questa stagione per un giocatore biancoceleste.
L’entusiasmo è alle stelle e la convinzione dei giocatori di poter compiere qualcosa di davvero importante oltre alla conquista della supercoppa italiana non pone limiti ai sogni laziali.