Malagò: «E se l’Olimpico diventasse il nostro Wembley?»

malagò coni
© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Malagò, presidente del Coni, pensa allo stadio Olimpico come impianto di gioco della Nazionale

Lazio e Roma stanno lavorando per avere uno stadio di proprietà e se l’Olimpico dovesse rimanere “orfano”, Malagò avrebbe già la soluzione ideale, come dichiarato a margine dell’inaugurazione del liceo scientifico sportivo all’Acqua Acetosa: «Quando Roma e Lazio avranno uno stadio tutto loro, si potrebbe anche trovare un accordo con la Federcalcio e far sì che l’Olimpico diventi lo stadio della Nazionale italiana, il nostro Wembley. Siamo felici che si sia sbloccata la questione dello stadio della Roma, così come faremo lo stesso endorsment con la Lazio. Flaminio? E’ del Comune e bisogna rispettare il mancato interesse biancoceleste per questa struttura. Il futuro è avere uno stadio di proprietà e spero vivamente che il Comune di Roma abbia fatto da apripista per le trattative tra altri club e Comuni. Derby in notturna? Era il momento, servirà una prova di maturità visto che sono state abbassate anche le barriere sugli spalti. Sappiamo tutti i motivi per cui le persone non vanno allo stadio, questo è il momento di evitare problemi e incidenti per non tornare al punto di partenza. Roma e Lazio stanno vivendo una stagione importante e sarebbe importante per entrambe avere il supporto dei rispettivi tifosi».