Milinkovic torna in nazionale, ma la Lazio non è contenta

milinkovic-savic
© foto www.imagephotoagency.it

Il ritorno in nazionale di Milinkovic-Savic potrebbe causare più di un problema alla Lazio in vista del derby con la Roma

Il centrocampista della Lazio, Milinkovic-Savic, torna finalmente in nazionale. Il giocatore, infatti, nonostante le bellissime prestazioni fornite in maglia biancoceleste negli ultimi due campionati, non veniva convocato dalla Serbia da circa 17 mesi, l’ultimo volta fu a maggio 2016. In totale il centrocampista ha collezionato tre chiamate, senza aver però mai esordito. Decisivo per la convocazione è stato di certo il cambio sulla panchina della Serbia: Slavoljub Muslin, infatti, ha lasciato il posto al proprio vice Mladen Kristaijc, che ha deciso immediatamente di dare fiducia al laziale.

Ma come avranno preso questa convocazione in casa Lazio? Probabilmente non molto bene, visto che la nazionale serba dovrà affrontare due amichevoli, entrambe in Asia: la prima contro la Cina e la seconda contro la Corea del Sud. Milinkovic, dunque, sarà costretto ad affrontare un lungo viaggio, tornando a Roma solo il 16 novembre, ovvero a due giorni dall’importantissimo derby contro i giallorossi in programma sabato 18. Un problema per Inzaghi che dovrà valutare bene se schierare un calciatore con stanchezza nelle gambe, ma soprattutto con la “sofferenza” fisica e mentale del fuso orario.  E in situazioni del genere, in molti si chiedono a che punto sia il recupero di Felipe Anderson, giocatore fondamentale non solo per la grande qualità, ma anche per permettere al tecnico biancoceleste di effettuare le giuste rotazioni in avanti.