Il nuovo ruolo, ma non solo: Berenguer si prende il Toro

© foto www.imagephotoagency.it

Il nuovo ruolo, ma non solo: Berenguer si prende il Toro da terzino, con tanto di apprezzamenti di Cairo e Mazzarri. Sarà lui il jolly della prossima stagione

Non sarà un fuoriclasse, ma nemmeno un pacco. Perché Alejandro Berenguer sta piano piano facendo capire che i sei milioni spesi in estate dal Toro rappresentano un ottimo investimento in chiave futura. Il Berenguer visto contro la Spal è tanta roba. E il suo impatto sulla partita contro la squadra di Semplici ha meritato il prezzo del biglietto pagato dai tifosi granata. Quando è entrato in campo ha cambiato il match. Tanto da far sobbalzare il presidente Cairo, lo ha elogiato pubblicamente: «Ha giocato la partita più bella da quando è qui, insieme a quella contro la Lazio. Stavolta però eravamo in undici contro undici, a Roma c’erano spazi maggiori perché era stato espulso Immobile. Con una Spal molto raccolta è riuscito a far saltare il banco».

Così Berenguer ha un nuovo ruolo. Mazzarri in lui ci crede eccome, anche immaginandolo come laterale sinistro nel 3-5-2, il suo modulo preferito quando giocava in Spagna. Contro le grandi un piccoletto come lui, poco incline alla fase difensiva, può far fatica a tenere il passo degli avversari di corsia. Ma contro squadre arroccate in difesa può essere determinante, perché garantisce una giocata in più a Ljajic, pronto a servirlo in profondità come ha fatto in diverse circostanze contro la Spal. Mazzarri ha apprezzato lo spirito dell’ex Osasuna contro i ferraresi: «Il suo merito è stato quello di entrare nella maniera giusta: così può andare lontano».

E potrebbe farlo con la maglia del Toro, che l’anno prossimo se lo vuole tenere come jolly, come soluzione offensiva in più adattabile anche da terzino fluidificante. Mazzarri è incuriosito da Berenguer, che nel secondo anno italiano spera di trovare la personalità che gli è mancata nel primo. Il destino dello spagnolo può passare anche dalla sfida contro il Genoa. Se ripeterà la prova di domenica scorsa il futuro sarà ancora granata. Questo è poco, ma sicuro.