Pellegrini suona la carica: «Ora basta veder vincere gli altri»

pellegrini italia roma
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista della Roma è ottimista sul futuro della Nazionale: «Abbiamo giocatori molto forti»

Dopo la figuraccia della mancata qualificazione Mondiale, l’Italia è ripartita con una sconfitta maturata contro l’Argentina a Manchester. L’ennesima caduta di una Nazionale forte e storica come la nostra infastidisce Lorenzo Pellegrini che pretende il riscatto per la maglia azzurra: «Sento nell’aria che tutti vogliamo lasciare il segno, non è una cosa che arriva dalla mattina alla sera, ma il lavoro paga sempre. Dobbiamo ricominciare, senza crearci troppi problemi che secondo me non esistono».

Secondo Pellegrini il livello del gruppo è molto alto manca solo l’organizzazione: «Abbiamo una squadra forte, dobbiamo semplicemente fare gruppo per crescere insieme. Dobbiamo farlo per noi e per l’Italia, ci siamo stancati di veder vincere gli altri e vederli arrivare più lontano di noi. Questo dev’essere il punto di ripartenza per tutti quanti, facciamo fatica ormai da qualche anno. Non c’è tanto da pensare, io credo nel lavoro, abbiamo dei giocatori veramente forti. Ora abbiamo più tempo degli altri, cerchiamo di sfruttarlo al massimo».

Il centrocampista giallorosso poi si espone sul futuro di Di Biagio e Gigi Buffon tutt’altro che una certezza: «Il mister è carico, ha molta voglia di dimostrare. Ci ha detto che è stato contento dell’atteggiamento del secondo tempo contro l’Argentina. Buffon è un capitano vero, ti fa sentire a tuo agio, ti aiuta in qualsiasi momento. Le critiche? E’ abituato alle pressioni».