Pirlo ammette: «A dicembre mi ritiro. Conte il migliore, Ventura così così»

pirlo
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex centrocampista di Juventus e Milan ha parlato del suo futuro e non solo. Pirlo ha criticato Ventura e ha esaltato Conte

Nuove bordate a Giampiero Ventura. Il commissario tecnico dell’Italia è al centro del ciclone per le sue scelte e per la situazione che si è venuta a creare per la Nazionale. Andrea Pirlo, ex centrocampista di Juventus, Inter e Milan, ora in MLS ai New York FC, ha parlato a “La Gazzetta dello Sport” criticando il tecnico: «All’inizio con il 3-5-2 come Conte aveva fatto delle prove discrete, poi con il cambio di modulo è andata così così. Giovinco non convocato? Forse non hanno voglia di venirlo a vedere o pensano che siccome è venuto qui sia lui a non aver più voglia di giocare. Allora dovrebbe valere anche per quelli che sono andati in Cina o a Dubai. E poi vengono convocati calciatori che stanno fuori nelle loro squadre».

Il centrocampista ha annunciato il suo ritiro a dicembre per i troppi acciacchi («dove c’è la rotula non ho più la cartilagine. Quando è venuta la Juve in tournée a fine luglio, mi sono fatto vedere anche dal loro medico. Ma c’è poco da fare, spazio ai giovani») e ha parlato anche di Conte, esaltandolo: «Impressionante la sua cura dei particolari. Riesce a darti comunque spiegazioni convincenti. Una sua lezione di 20’ al video vale tre giorni di allenamento: capisci subito al volo che cosa devi fare. Negli anni poi è migliorato, con questa voglia di vincere e fare tutto al massimo. Uno dei più bravi in assoluto». Il centrocampista non sa ancora se da grande farà l’allenatore e ha parlato della differenza con Verrattigiochiamo in ruoli identici ma con caratteristiche diverse»).

Questo invece il pensiero di Pirlo sulla lotta Scudetto: «Il Napoli è quella che gioca meglio in Italia ed è fra le migliori in Europa. Vederla in campo è puro divertimento. La Juve è ancora la più forte e ha la consapevolezza di esserlo. E’ piena di bravi giocatori, vincerà il campionato e andrà lontano pure in Europa. Inter? Per ora non entusiasma, ma fa risultato. Mica è fortuna. Non prendono gol, che in Italia è già molto, e prima o poi capita che uno lo segni».