Connettiti con noi

2011

PSG, Ancelotti: “Porteremo in alto il club. Su staff e mercato…”

Pubblicato

su

à? stato presentato alla stampa quest’oggi alle 15:00 Carlo Ancelotti come nuovo allenatore del Paris Saint-Germain. Il tecnico romagnolo ha firmato un accordo per due anni e mezzo. Questa la premessa di Leonardo, che apre alla presentazione di Ancelotti: “Non c’è bisogno di presentare Ancelotti, tutti qui a Parigi lo conoscono”.

Queste le prime battute di Carlo Ancelotti sull’inizio dell’avventura ed il suo ruolo nel club parigino: “Sono felice di essere arrivato al PSG, ho accettato di partecipare alla crescita del progetto e punto a portare il club in alto in Francia ed in Europa. Sarò qui come allenatore a tempo pieno, sul campo, mi piace stare con i giocatori. Naturalmente sul mercato opererà  la società , la cosa più importante è l’unità  di intenti, sin dal primo momento e fino all’ultimo momento. Le decisioni sul mercato della società  saranno naturalmente condivise anche dall’allenatore”.

Circa la scelta dello staff di Ancelotti, il tecnico risponde: “Arriverà  dall’Italia il preparatore atletico, che sarà  Giovanni Mauri, che ha lavorato con me al Milan ed al Chelsea. Abbiamo pensato, assieme alla società  di sfruttare il carisma e la personalità  di Claude Makelele, sarà  nello staff come assistnete, e dobbiamo definire altre posizioni che verranno presto risolte e vi verranno comunicate. Resterà  l’allenatore dei portieri ed i preparatori atletici che hanno lavorato con Kombouarè”.

Un commento sul mercato di gennaio ed il budget a disposizione: “Un budget non c’è, c’è la volontà  del club di sfruttare questo periodo di gennaio per migliorare la squadra, se possibile, e quindi abbiamo il tempo per poter trovare la soluzione migliore. Parlare oggi di nomi non penso sia positivo, si va a parlare di giocatori che sono stabili in altre squadre, e soprattutto si va a far crescere l’eventuale valore del cartellino del giocatore. Abbiamo la volontà  di migliorare la squadra, se ci sono le condizioni per poterlo fare, si farà . Drogba o Malouda? Li ho allenati molto tempo, ho un ottimo rapporto, posso parlare bene di loro, ma dire che verranno qui è un altro conto”.