Sampdoria: decimo posto da difendere, ecco perché

driussi - sampdoria - ferrero
© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria al decimo posto in classifica, una posizione da difendere non soltanto per questioni di prestigio, ma anche per questioni puramente economiche: ecco perché

Una posizione da difendere con le unghie e con i denti: la Sampdoria, dopo il filotto di tre vittorie consecutive contro Roma, Milan e Bologna, è ferma al decimo posto in classifica, con un punto in più rispetto al Chievo Verona. Al momento i blucerchiati sono l’ultima squadra della famigerata parte sinistra della classifica, non hanno ambizioni europee, sono assolutamente salvi, ma il discorso è molto più complesso rispetto a quanto appare. Sì, perché il decimo posto in classifica non è soltanto un vezzo, ma potrebbe valere tantissimo soprattutto in termini economici. Ricapitolando: le squadre che, a fine campionato, occupano una posizione compresa tra l’undicesima e la diciassettesima hanno diritto ad un premio minimo di circa un milione di euro. Le squadre che invece occupano una posizione compresa tra la decima e la prima hanno diritto ad un bonus maggiorato dalle quote dei diritti tv denominato “quota incrementale”. Nello specifico: se la Sampdoria arrivasse undicesima avrebbe diritto ad un milione di euro scarso in premi, se però arrivasse appena una posizione più su, potrebbe prendere almeno 3,1 milioni di euro di premi, come riporta stamane La Repubblica. Si tratta di una differenza non marginale per una squadra come la Samp, tenendo conto che con una cifra del genere (anzi, perfino un po’ meno) i blucerchiati hanno preso dal mercato giocatori come Milan Skriniar e Lucas Torreira, ragazzi che al momento stanno facendo la differenza. La posizione ideale, a dirla tutta, sarebbe l’ottava, occupata al momento dalla Fiorentina e distante però ben sette punti (mentre il Torino, nono, è a meno due): con quella posizione finale in classifica i blucerchiati avrebbero accesso diretto al tabellone delle big di Coppa Italia del prossimo anno, risparmiandosi un precoce e pericoloso turno preliminare contro una squadra, probabilmente, di Serie B. Sarebbe tutto perfetto e, in fin dei conti, manca ancora un bel po’ alla fine della stagione, no?