San Siro si veste di fiori d’arancio: sarà possibile celebrare matrimoni civili

san siro
© foto www.imagephotoagency.it

Non solo eventi o congressi: compatibilmente con il calendario di Serie A sarà adesso possibile festeggiare gli sposi nelle tre sale dedicate del Meazza

Nagatomo l’ha già provato. Si è inginocchiato sotto la nord e ha chiesto la mano alla sua ragazza, futura moglie. Ora tutti potranno sposarsi nella suggestiva location di San Siro. Lo stadio milanese che ospita le gare interne di Milan e Inter si apre agli sposi e si veste di fiori d’arancio. È stato infatti dato il via libero alla possibilità di festeggiare l’unione in matrimonio al Meazza, sul terreno di gioco di Donnarumma e Icardi, sotto le curve degli ultrà. Nei prossimi mesi sono stati già fissati i primi festeggiamenti. Tutto ovviamente nel rispetto del calendario di Seria A.

La vera novità è che quindi a San Siro ci si potrà convolare a nozze:  non solo eventi extracalcistici, congressi o aperture del Fai. Il regolamento impone la celebrazione civile all’interno della «casa comunale», quindi Palazzo Marino e le sedi dei Municipi, ma tutto il resto dei rituali e dei festeggiamenti potranno svolgersi nelle sedi dedicate (nel caso di San Siro le tre le sale riservate) che i novelli sposi vorranno e potranno scegliere. Un’idea che in altre città soprattutto europee è già stata adottata: ora tocca a San Siro.