Connettiti con noi

Coppa Italia

Inzaghi non cambia giaccone, Felipe Anderson non si taglia i capelli

Pubblicato

su

simone inzaghi infortunio felipe anderson lazio

Scaramanzia Lazio in vista della partita di stasera con la Roma: Simone Inzaghi non cambia mai giaccone, mentre Felipe Anderson non si taglia i capelli dalla partita di andata. I due però non sono gli unici ad avere dei riti…

Riti da derby, riti da Lazio: in vista della partita di stasera con la Roma, ritorno delle semifinali di Coppa Italia che può valere per i biancocelesti l’accesso alla finalissima, dopo la vittoria dell’andata, si sprecano i riti scaramantici… Che nel calcio una certa dose di scaramanzia ci sia sempre stata (stessi hotel, stessi pullman, spesso anche stessi scarpini o stesse divise per i giocatori) è noto, ma mai come quest’anno in casa Lazio. Per la partita più importante della stagione finora probabilmente, allora, il Corriere dello Sport svela una serie di retroscena riguardanti la banda di Simone Inzaghi, ma pure lo stesso allenatore laziale che, tanto per dirne una, non cambia il proprio giaccone portafortuna sin dal giorno del suo arrivo in biancoceleste. Se c’è freddo, il tecnico laziale sa sempre cosa mettere: stesso cappotto di sempre, non si cambia. Del resto Inzaghi parrebbe uno molto fissato con i gesti scaramantici: stessi riti e stessi allenamenti ogni settimana, perfino stesso percorso con il pullman per l’arrivo allo stadio. Ai tempi del Piacenza Simone si faceva venire a prendere ogni giovedì da un amico: era successo una volta e la domenica aveva segnato, da allora così non ha più cambiato…

Scaramanzia Lazio: i capelli di Felipe Anderson

Senza parlare allora dei capelli di Felipe Anderson. Sì, i capelli. Gli stessi che l’attaccante brasiliano della Lazio non taglia dalla vittoria per 2 a 0 all’andata: aveva promesso si non toccare nemmeno un ciuffo sino a qualificazione acciuffata (scusate il gioco di parole) ed è stato di parola. Ed allora, Ciro Immobile? L’attaccante biancoceleste ha una playlist fissa che ascolta ogni volta prima della partita. Non la cambia mai ma, soprattutto, non rivela a nessuno quali canzoni ci siano al suo interno: è un segreto scaramantico. Marco Parolo prima della partita mangia un dolcetto che gli prepara la moglie, mentre Senad Lulic è molto legato al numero 71, ma questa storia di sicuro già la conoscete…