La svolta di Mazzarri: sarà Baselli il capitan futuro del Toro

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

L’assenza dall’undici titolare di Belotti a Napoli ha portato Mazzarri a scegliere Baselli come capitano del Toro: una mossa importante in chiave futuro

Passaggio di consegne definitivo o provvisorio? Il dilemma resta tale. E rimarrà tale per ancora un bel po’ di tempo. Nel primo tempo di Napoli-Toro, vista l’assenza nell’undici titolare di Andrea Belotti, la fascia di capitano è andata a Daniele Baselli. Non una scelta casuale, ma nemmeno una decisione legata all’esperienza accumulata dal giocatore con la maglia granata. Perché Baselli, va ricordato, è un classe ’92, ancora molto giovane rispetto ai vari Sirigu e Burdisso (anche Moretti era in panchina). Ma Mazzarri, affidandogli la fascia di capitano, gli ha voluto dare importanza centrale nel progetto granata. Per il presente, ma anche per il futuro.

Il giocatore, a fine partita, ha parlato della decisione presa da Mazzarri: «E’ stata una grande emozione e un grande onore indossarla in un grande club come il Toro. Ho cercato come sempre di aiutare i miei compagni nelle difficoltà». Parole che hanno sicuramente fatto piacere ai tifosi, che rivedono in Baselli un vero e proprio capitan futuro. Belotti ha le valigie in mano già da un po’ e allora l’ex Atalanta, ormai a Torino da tre anni, spera di poter avere la fortuna di indossare la fascia per altri anni.

La fascia di capitano a Baselli è un premio alla stagione di un giocatore che, con il passare del tempo, sta crescendo. Ma è anche un forte segnale dato dal Toro in chiave mercato: le big dovranno probabilmente arrendersi nella corsa al centrocampista. Lazio compresa. Perché Cairo intende rendere Baselli il perno del Toro che verrà. Ma soprattutto perché Mazzarri spera di poterlo far diventare il nuovo Hamsik. Ci riuscirà?