Tavecchio difende Ventura: «Conta solo andare in Russia»

© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente della FIGC difende il ct dell’Italia Giampiero Ventura. Queste le parole di Tavecchio sul futuro del ct azzurro

Giampiero Ventura non è a rischio! Carlo Tavecchio, presidente della FIGC, ha ribadito il suo pensiero sul commissario tecnico dell’Italia, criticatissimo dopo il pareggio con la Macedonia. Queste le parole del numero uno del calcio italiano: «Il ct non è in discussione – riporta il “Corriere dello Sport – e l’ho trovato bene. E’ tutto a posto: abbiamo preso un caffè insieme e abbiamo anche parlato. Quello che sta vivendo non è un problema da niente perché ci sono una qualificazione ai Mondiali da conquistare e tante pressioni, ma ha il nostro apporto morale e materiale oltre alla solidarietà della Federazione. Credo che lo abbia avvertito e che sia tranquillo».

Prosegue il presidente della Federazione: «Non c’è accerchiamento nei confronti del ct, ma solidarietà. Almeno da parte della Federazione. I media lo attaccano? Quando viene suonato l’inno di Mameli la pelle d’oca viene a giocatori, tecnici, dirigenti, ma anche ai giornalisti. In quel momento siamo tutti italiani e dalla parte della Nazionale. Se non andiamo ai Mondiali il problema è di tutti. Nel dare i giudizi non dobbiamo dimenticarci che nel calcio di oggi non ci sono più partite semplici: rispetto al passato c’è stato un livellamento incredibile e le squadre deboli hanno lasciato il posto a formazioni con tecnici preparati e strutture professionali. Il valore medio è aumentato e anche noi dobbiamo fare i conti con tutto questo».

Chiosa finale sull’incontro tra i senatori e il resto del gruppo: «Abbiamo la speranza e la voglia di qualificarci. I play off non mi preoccupano: siamo fiduciosi e vogliamo andare al Mondiale. L’appello dei senatori nella riunione con i compagni? In questo momento loro sono importanti e pronti come lo sono sempre stati. E’ stato un bene che abbiano fatto gruppo e parlato ai giovani. Il loro comportamento è stato quello giusto e ora mi aspetto una reazione e una prova importante da parte di tutti».