L’UEFA strizza l’occhio al Var: «Non si torna più indietro»

var
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Michele Uva, vice-presidente UEFA e dg della FIGC, sull’implementazione e monitoraggio del VAR in Serie A

Dopo un avvio ricco di polemiche tifosi e calciatori stanno prendendo maggiore confidenza con l’utilizzo del Var in Serie A. Una strada rivoluzionaria, quella tracciata dall’Italia che si è messa a disposizione del supporto tecnologico per ridurre al minimo gli errori arbitrali durante le partite. Un test che verrà riprodotto anche ai Mondiali di Russia 2018, ma non ancora in questa edizione di Champions League ed Europa League. L’UEFA, però, attraverso le dichiarazioni del proprio vice-presidente Michele Uva, che ricopre anche la carica di direttore generale della Figc, sembra accogliere con favore l’implementazione del Var in Serie A.

Queste le dichiarazioni di Uva durante il Forum Sport e Business del Gruppo 24 Ore a Milano: «Non si può più tornare indietro dal Var, siamo su una strada con una sola direzione. E’ la strada giusta, lo mostrano anche i comportamenti di tifosi e calciatori. L’Italia si è messa a disposizione della tecnologia, siamo riusciti ad anticipare i tempi di un anno sopratutto perché abbiamo una classe arbitrale molto preparata. Rizzoli e Rosetti sono eccellenze che tutti ci invidiano: lo scopo è diventare il Paese formatore di tutte le Var del mondo. A Coverciano c’è addirittura un campo per la simulazione».