Connettiti con noi

Fiorentina News

Vlahovic resta alla Fiorentina? «Non vedo l’ora di incontrare Gattuso»

Pubblicato

su

Dusan Vlahovic, attaccante della Fiorentina, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di MozzartSport: le sue dichiarazioni

Dusan Vlahovic, attaccante della Fiorentina, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di MozzartSport. Le sue dichiarazioni.

STAGIONE – «Avevo un obiettivo prima dell’inizio della stagione, ma non erano esattamente i 20 gol. Ma quando sono arrivato a 10, l’obiettivo è cambiato. Nelle ultime tre partite non ho segnato e non sono riuscito a superare Lukaku ma sono sicuramente soddisfatto dei 21 gol. Tutto si guadagna con il lavoro e il sacrificio. Certo, ci saranno momenti in cui le cose non andranno ma va bene. Sono consapevole di tutto ciò. La cosa fondamentale è lavorare più duramente degli altri, essere sereni, credere in se stessi e ascoltare chi dà consigli. La svolta nella mia carriera fino ad ora è stata con l’arrivo di Cesare Prandelli. Ero in Nazionale in quel momento e i miei amici mi hanno mandato le sue dichiarazioni dicendo che aveva parlato molto bene di me. Non ho prestato molta attenzione».

PRANDELLI – «Quando sono tornato, ci siamo subito seduti, abbiamo parlato e lui mi ha spiegato cosa voleva e cosa aveva in programma di fare con me. Mi ha detto di non preoccuparmi, di essere sereno e che mi avrebbe dato una possibilità. Dopo cinque partite, finalmente ce l’ho fatta a segnare e quell’obiettivo è stato il più difficile della mia carriera finora. Senza l’aiuto di Prandelli, niente di tutto questo sarebbe successo. Mi ha dato una fiducia illimitata e gli sarò grato per il resto della mia vita. Mi ha spiegato alcuni movimenti, come dovevo calciare in porta: Prandelli sa come avvicinarsi e parlare con i giocatori».

MILENKOVIC – «Figura più importante a Firenze? Milenkovic era già titolare e aveva un Mondiale alle spalle. Aveva già dei rapporti solidi con gli altri giocatori e questo mi ha aiutato. Era a disposizione per tutto ciò di cui avevo bisogno. Per un anno è venuto a prendermi tutti i giorni prima dell’allenamento e mi ha riportato a casa. Naturalmente, anche la mia famiglia, che veniva da me ogni quindici giorni, mi ha aiutato molto».

IACHINI – «Anche lui è un grande uomo. Avevamo un rapporto perfetto. Stavo bene con tutti. Certo, con Iachini dovevo giocare e segnare sempre mentre lui mi ha messo in panchina dopo le prime partite in cui non segnavo. La fiducia e la continuità sono importanti per ogni giocatore, perché poi tutto è più facile».

GATTUSO – «Parliamo di un campione del mondo: è un allenatore che non si arrende mai. Un grande motivatore, affamato di vittorie. Non vedo l’ora di incontrarlo».