Young: «Vogliamo l’Europa League. Non ci ho pensato due volte alla chiamata dell’Inter»

© foto www.imagephotoagency.it

Ashley Young ha parlato al sito della UEFA commentando la stagione dell’Inter e il suo approdo in nerazzurro

Ashley Young ha parlato al sito della UEFA commentando la stagione dei nerazzurri e il suo approdo all’Inter. Le parole del laterale inglese.

INTER – «Si è trattato di un cambio totale, ma ho deciso di provare questa esperienza anche per giocare con più regolarità. Parlai con Solskjær e mi disse che avrebbero puntato più sui giovani. Per me l’età è solo un numero e quando l’Inter mi ha dato questa occasione non ci ho pensato due volte, volevo solo salire sull’aereo e firmare. È una squadra famosa in tutto il mondo d’altronde, un’occasione da non perdere. L’impatto con la Serie A non è stato così difficile: sono uno di quelli che si adattano a un nuovo stile, a un nuovo modo di vivere. Ovviamente il campionato è un po’ più tattico, ma bisogna adattarsi velocemente e credo di esserci riuscito. Essendo un terzino devo correre molto, in attacco e in difesa, ma per come giochiamo attacco di più, quindi possono segnare di più e fare più assist rispetto ai tempi dello United».

CONTE – «È un vincente, vuole vincere e pretende la stessa mentalità da tutti.  Nelle ultime settimane partecipa anche al torello insieme a noi, è bello metterlo in mezzo e farlo correre, così grida anche meno, ma è anche vero che riesce subito a uscire. Lo spirito di squadra è unico: a volte si discute o si litiga, ma quando riusciamo a portare tutto questo in campo, tutti lottano per l’altro e si vuole vincere».

EUROPA LEAGUE – «Contro lo Shakhtar penso che sarà una partita bellissima. In genere preferisco affrontare squadre che non si chiudono e giocano a viso aperto: chi gioca meglio quel giorno vince. Eventuale finale contro lo United? Non ci penso. Ovviamente vogliamo arrivare in finale ma il nostro pensiero è rivolto all’incontro di semifinale di lunedì».