«Hai messo la piaga nel dito»: le 10 frasi al top di Aldo Biscardi – FOTO

aldo biscardi
© foto www.imagephotoagency.it

Ricordando Aldo Biscardi: dieci frasi che non dimenticheremo mai

Con la morte di Aldo Biscardi, ieri, è andata via una buona fetta di storia televisiva del nostro Paese. Sia in termini positivi che in termini abbastanza discussi (leggi anche: Pistocchi non risparmia nemmeno Biscardi: «Succube di Moggi» – FOTO), l’ex giornalista molisano ha comunque rappresentato un periodo del costume dell’Italia pallonara (ma non solo). Il Corriere dello Sport, stamane, ha messo insieme dieci frasi emblematiche, entrate nell’immaginario collettivo, pronunciate dall’inventore del “Processo” nel corso della sua lunghissima carriera. Biscardi, come noto, è infatti diventato celebre per molti degli strafalcioni (più o meno voluti) che, in seguito hanno fornito materiale per intere trasmissioni o, più di recente, anche per i social. Diamo un’occhiata allora alle dieci frasi di Aldo Biscardi che mai, proprio mai, dimenticheremo…

2. «Cerchiamo di non provocare scintille polemiche, altrimenti si sollevano polveroni che intorbidano le acque»

3. «Abbiamo fatto questo pingo-pongo per svirilizzare gli animi troppo accesi in questa contesa»

4.  «Stasera al Processo le polemiche fioccano come nespole»

E' morto a Roma Aldo #Biscardi, giornalista e conduttore televisivo noto per l'ideazione e la conduzione del programma televisivo "Il processo del Lunedì". Ne dà notizia la famiglia all' @agenzia_ansa . Nato a Larino (Campobasso), Biscardi avrebbe compiuto 87 anni tra poco più di un mese. Biscardi era ricoverato da qualche settimana al Policlinico Gemelli, assistito dai figli, Antonella e Maurizio. Da tempo aveva lasciato il video, dove aveva debuttato nel 1979, alla Rai. E' del 1980 l'ideazione del programma "Il processo del lunedì", primo talk show sul mondo del pallone di cui divenne anche conduttore nel 1983, moltiplicandone il successo. Dopo qualche anno, grandi successi e molte polemiche, il giornalista nel 1993 lasciò la Rai per passare a Tele+, dove esordì col nuovo programma "Il processo di Biscardi", che trasferì poi, sempre con la stessa fortunata formula su altre emittenti, da Telemontecarlo a 7 Gold. Nel 2015 Biscardi aveva lasciato la sua 'creatura' – vanta il record di longevita', certificata dal Guinness dei primati, che ne aveva riconosciuto già nel 2013 33 edizioni consecutive con lo stesso conduttore – ai figli, che hanno ereditato il marchio. Biscardi viene a mancare nell'anno dell'esordio nel campionato di serie A della Var, quella 'moviola in campo' che lui aveva sempre sostenuto come sistema necessario per aiutare gli arbitri grazie alle tecnologie disponibili. http://ow.ly/IHao30fIITx

A post shared by Agenzia ANSA (@agenzia_ansa) on

8.  «Hai messo la piaga nel dito»

9.  «Abbiamo uno sgoop»

MOVIOLA #Biscardi #var #moviola #charliecomics

A post shared by Carlo Casaburi (@charliecomics) on