Asta di riparazione Fantacalcio: la Top 5 delle new entry da prendere

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Chiusa la parentesi calciomercato ecco subito profilarsi l’attesa asta di riparazione Fantacalcio: la nostra Top 5 dei nuovi arrivi da segnare sul taccuino

L’asta di riparazione Fantacalcio entra di diritto con il circoletto rosso nel calendario di tutti gli appassionati. Il momento bramato per ritrovare la speranza dopo buie settimane di delusioni autunnali o per aggiungere qualche chicca nella rincorsa al trono. Che siate in vetta o in coda alle vostre competizioni, ecco la nostra Top 5 delle new entry su cui porre l’attenzione.

LEGGI ANCHE – CALCIOMERCATO SERIE A: I 5 COLPI MIGLIORI DI GENNAIO

5 – Rugani (Cagliari). Insomma, fino a pochi anni fa tutti o quasi immaginavano il biondo a comandare la difesa della Nazionale ed ergersi a degno erede dei vari Barzagli, Bonucci e Chiellini in bianconero. Nulla di tutto questo per il classe ’94 che avrebbe però ragionevolmente i mezzi per rilanciare la propria carriera. Dopo la fugace e deludente esperienza al Rennes, ecco la magica Sardinia per ritrovare se stesso. Il tassello giusto per completare la traballante difesa di Eusebio Di Francesco, il compagno perfetto di reparto (Godin) per riscoprirsi giocatore di alto profilo. Se vi serve un difensore di rendimento che non disdegna qualche golletto, Daniele può fare al caso vostro.

4 – Sanabria (Torino). Vero, c’è la concorrenza di un redivivo Zaza da mettere all’angolo. Però il paraguaiano ha diversi assi nella manica da smazzare sul tavolo granata. Anzitutto la stima e la conoscenza di Davide Nicola che nella passata esperienza al Genoa lo aveva messo al centro dell’attacco, ottenendone gol e sospirata salvezza. In più c’è la ragionevole certezza che possa scoprire in Belotti un compagno ideale per caratteristiche e generosità. La trasformazione del Gallo in centravanti dall’assist facile potrebbe rivelarsi un clamoroso aiuto per il buon Antonio che, ormai prossimo ai 25 anni, spera finalmente di trovare fissa dimora all’ombra della Mole.

3 – Saponara (Spezia). Uno dei maggiori talenti inespressi del calcio italiano atteso alla prova della continuità. Poche volte in carriera il trequartista forlivese ha infatti saputo trovare fiducia e costanza di rendimento. L’occasione Spezia è una di quelle da non fallire per rilanciarsi, sperando magari di convincere il club ligure a puntare definitivamente sulle sue indubbie capacità tecniche. Abbagliante nella prestazione di Coppa Italia contro la Roma, la sensazione è che il calcio propositivo e coraggioso di Italiano possa calzare a pennello sulle sua qualità in rifinitura. Assist dunque, ma anche gol per un centrocampista, fantacalcisticamente parlando, che verrà schierato il più delle volte nel tridente offensivo. Il gioco può valerne davvero la candela.

2 – Malcuit (Fiorentina). Il laterale franco-marocchino non ha saputo imporsi nel Napoli, probabilmente anche per una scarsa predisposizione difensiva quanto mai necessaria in un reparto a 4. Ecco perché la Viola potrebbe essere la grande chance per scatenare la sua verve offensiva, in qualche circostanza intravista anche in maglia azzurra. Nell’attuale 3-5-2 di Prandelli, il ruolo di quinto a destra sembrerebbe tra i punti deboli in termini di qualità. Considerato Callejon di fatto un attaccante, sulla fascia si sono alternati Venuti e Caceres: difensivamente più a loro agio dell’ex Lille, ma senza dubbio con minore propensione offensiva e talento in senso assoluto. Se vi serve un difensore con il bonus in canna, Kevin potrebbe essere la vera rivelazione del girone di ritorno nel vostro Fantacampionato.

1 – Lasagna (Verona). A concludere la nostra Top 5 per l’asta di riparazione Fantacalcio, ecco la madre di tutte le scommesse. Due reti appena in questo inizio di stagione con l’Udinese, a confermare una vena realizzativa che non è mai stata la peculiarità dell’attaccante mantovano. Eppure, il calcio verticale, veloce e diretto di Juric sembra sposarsi alla perfezione con le caratteristiche di Kevin, uno che ha pochi rivali quando si tratta di attaccare la profondità. Questo non vuol dire che segnerà 10 gol nel girone di ritorno, sarebbe una sorta di miracolo sportivo, ma l’investimento fatto dal club scaligero lascia presupporre che in lui ci si creda davvero. Il puntello che i gialloblù cercavano per accorciare il gap dalla zona Europa, la freccia che potrebbe servire a voi per corroborare i sogni di Fantagloria.