Ballardini, “Io credo che il Genoa ha i punti che si merita”

© foto www.imagephotoagency.it

Ã?«All’inizio non abbiamo iniziato bene. Poi il Genoa è stato molto presente in campoÃ?». Davide Ballardini così dopo la vittoria contro il Brescia nella sala stampa del Ferraris. E nelle prossime 5 partite quali saranno gli obiettivi? Giocare per lo spettacolo e far giocare qualche rossoblù che non ha avuto spazio? Ã?«ConfermoÃ?» risponde lapidariamente il tecnico. Poi aggiunge: Ã?«Rimangono cinque partite contro squadre che sono comunque coinvolte o per lo scudetto o per la qualificazione in Champions League o per la salvezza. Sono certo che il Genoa cercherà  di fare del suo meglio come ha sempre fattoÃ?». E su Eduardo afferma senza alcun timore: Ã?«Io una parola per il portiere l’ho spesa in tempi non sospetti. Eduardo è un uomo straordinario e merita tutto quello che sta ricevendoÃ?».
Forse ora si avvicina la riconferma per l’allenatore romagnolo, considerato il giudizio positivo del presidente Preziosi. Ã?«Sono agitatissimoÃ?» risponde scherzando. E prosegue: Ã?«E’ un risultato da non sottovalutare il raggiungimento dei 42 punti, dopo i tanti cambiamenti e i problemi avuti nel corso della stagione. Abbiamo raggiunto questo obiettivo con molta serietà , giocando alcune gare buone e altre meno. Sottolineo che abbiamo sbagliato quella contro il CagliariÃ?».
Si poteva fare di più? Ã?«Io credo che il Genoa ha i punti che si merita “? dice il tecnico “? sono punti davvero pesanti e tutti guadagnati. Non è un campionato bello, ma molto equilibrato: stiamo vicino alla Fiorentina che è una squadra importante e dietro di noi abbiamo altre squadre importantiÃ?». E alla precisa domanda se vorrebbe rimanere al Genoa risponde: Ã?«certoÃ?».
Ancora una partita a due facce del Genoa: primo tempo mediocre e buona ripresa. Ã?«Avevo tre giocatori che non ero certi “? spiega Ballardini “? che potessero giocare l’intera gara: Kucka, Milanetto e Antonelli. Iniziare la partita con tutti e tre assieme, considerati anche i ruoli, comportava il rischio di doverli cambiare. Ecco spiegata la scelta di far giocare prima due e poi sostituirliÃ?». Il mister sottolinea che Milanetto Ã?«non lo sostituirei maiÃ?».