Barcellona-Roma, duello tra numeri uno: Alisson contro Ter Stegen

barcellona-roma
© foto www.imagephotoagency.it

Alisson contro Ter Stegen è solo uno dei duelli di Barcellona-Roma

Barcellona-Roma vivrà sul filo di tanti duelli che nella maggior parte dei casi vedono prevalere, almeno sulla carta, i calciatori blaugrana. C’è però un ruolo in cui i giallorossi possono essere sicuri di primeggiare: il portiere. La sfida del Camp Nou metterà di fronte Alisson e Ter Stegen. Entrambi con le loro prestazioni hanno blindato la porta delle rispettive squadre. Il brasiliano è letteralmente esploso quest’anno diventando nel giro di pochi mesi il migliore in circolazione, reputazione giustificata a suon di parata e prestazioni eccellenti. L’estremo difensore giallorosso ha incassato 32 gol in 38 gare stagionali tenendo per ben 17 volte la porta imbattuta. Questi dati però da soli non rendono giustizia al peso di Alisson che con una media di 3,4 salvataggi a partita è tra i portieri più decisivi d’Europa. Anche Ter Stegen però ha messo in mostra numeri straordinari subendo appena 22 reti in 38 gare con 23 clean sheet all’attivo, complice anche un atteggiamento molto equilibrato del nuovo Barcellona di Valverde che specialmente in Liga subisce poco.

MONDIALE – Una sfida, quella tra i due portieri, che non si esaurirà nel doppio confronto di Champions League ma che si riproporrà questa estate durante i mondiali di Russia. Alisson è ormai il titolare indiscusso del Brasile, scalzato Ederson del Manchester City che pure è stato pagato da Guardiola 50 mln di euro. Ha subito solo 3 gol nelle ultime 10 presenze e si appresta a diventare assoluto protagonista della selezione verdeoro. Un mondiale ad alto livello potrebbe farne salire ulteriormente la quotazione di mercato che già ora si aggira tra i 60 e i 70 mln di euro. Ter Stegen con la sua Germania parte tra i grandi favoriti per la vittoria finale. Il portiere del Barça ha preso ormai il posto di Neuer, alle prese con un fastidio infortunio che lo ha fatto sparire dai radar di Löw e da quelli del Bayern Monaco, nonostante proprio nell’ultima amichevole contro il Brasile al suo posto abbia giocato Trapp. Quello di mercoledì allora sarà solo una assaggio, presto le parate di questi due numeri uno potrebbero valere un mondiale.