Barella batte Riva: è il marcatore del Cagliari più precoce in azzurro

Barella batte Riva: è il marcatore del Cagliari più precoce in azzurro
© foto www.imagephotoagency.it

Contro la Finlandia Barella ha segnato il suo 1° gol in azzurro: è il primo giocatore nato a Cagliari a segnare in Nazionale

La gara contro la Finlandia, valida per il Gruppo J delle Qualificazioni agli Europei 2020, ha portato il primo gol in assoluto nella Nazionale maggiore per il talento del Cagliari, Nicolò Barella, bravo a sbloccare il risultato al 7′ dopo una respinta del portiere scandinavo. La prima marcatura del centrocampista in Nazionale gli vale 3 primati assoluti.

Barella è infatti diventato ilprimo giocatore nato a Cagliari a segnare un gol con l’Italia, ma non solo. Il centrocampista è ora ancheil sardo più giovane di sempre ad aver segnato con la maglia azzurra, nonché il marcatore del Cagliari più precoce in Nazionale. A 22 anni, 1 mese e 16 giorni ha fatto infatti meglio di Gigi Riva, che segnò i sui primi gol azzurri (una tripletta rifilata a Cipro) il 1° novembre 1967, all’età di 22 anni, 11 mesi e 25 giorni.

Barella è anche il primo giocatore del Cagliari a segnare in azzurro dopo Davide Astori. L’ex difensore del Cagliari, deceduto tragicamente il 4 marzo 2018 proprio a Udine, segnò il goal del momentaneo 1-0 contro l’Uruguay in Confederations Cup nel 2013. Il centrocampista ha poi commentato la sua prestazione al termine della gara, quando è intervenuto ai microfoni di Rai Sport.

«Sono contento, dedico questo gol a Cagliari. – ha affermato – Il mister mi chiede di giocare un po’ più avanti, Jorginho e Verratti sono fantastici. Con l’atteggiamento giusto andremo avanti. Non sapevo di essere il primo giocatore nato a Cagliari a segnare in Nazionale. Ho battuto Riva? Mi fa piacere, ma Gigi rimane un mito e sarà difficile superarlo nel numero dei gol». A suon di buone prestazioni, si moltiplicano per Barella le voci di calciomercato: «Non lo so, decide il Cagliari. – ha detto – Non mi interessa, penso solo a dare una mano alla mia squadra».