Bologna – Lazio 0-2: pagelle e tabellino

immobile lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Bologna – Lazio, Serie A 2016/2017: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

BOLOGNA – LAZIO: CLICCA QUI PER AGGIORNARE

Vittoria in scioltezza per la Lazio di Simone Inzaghi che conferma l’ottimo stato di forma passando anche sulla ‘carcassa’ del Bologna. Ottima prova dei biancocelesti che hanno controllato la gara, hanno sofferto poco, e hanno scavalcato nuovamente Atalanta e Inter, salendo nuovamente al quarto posto. La Lazio ha creato tanto e poteva essere più cinica, specie nel primo tempo. Poco o nulla da salvare nel Bologna: ottima la prova di Mirante che ha fatto quel che ha potuto, appena sufficiente Nagy. Insufficienti gli altri. Menzione di (dis)onore per Petkovic che ha sprecato la più grossa palla gol dei rossoblù. Nella Lazio spiccano le prestazioni di Milinkovic-Savic, Felipe Anderson e Ciro Immobile. Male Keita che non è entrato in campo con il giusto atteggiamento e ha anche battibeccato con Milinkovic. La sera dei miracoli, ricordando Dalla, non è questa.

Bologna – Lazio 0-2: pagelle e tabellino

MARCATORI: 9′, 29′ st Immobile (L)
NOTE: AMMONITI: Maietta, Dzemaili (B); Keita (L)
ARBITRO: Russo di Nola 6,5

BOLOGNA (3-5-1-1) – Mirante 7; Oikonomou 5,5, Helander 5,5, Maietta 5; Krafth 5, Dzemaili 5, Viviani 5,5 (30′ st Pulgar S.v.), Nagy 6, Masina 5,5 (37′ Krejci S.v.); Verdi 5 (17′ st Destro 5); Petkovic 4,5. In panchina: Da Costa, Sarr, Mbaye, Rizzo, Di Francesco, Taider, Donsah, Sadiq. Allenatore: Roberto Donadoni 5.
LAZIO (4-3-3) – Strakosha 6; Basta 6, De Vrij 6, Hoedt 6,5, Radu 6; Parolo 6,5, Biglia 6,5 (9’ st Murgia 6,5), Milinkovic-Savic 7 (36′ st Wallace S.v.); Felipe Anderson 7 (22′ st Keita 5,5), Immobile 7,5, Lulic 6,5. In panchina: Vargic, Adamonis, Bastos, Lukaku, Mohamed, Crecco, Lombardi, Luis Alberto, Djordjevic. Allenatore: Simone Inzaghi 7.

BOLOGNA – IL MIGLIORE

MIRANTE 7 – Ha un grandissimo riflesso nel primo tempo, salvando con i piedi, nonostante avesse battezzato l’altro angolo, una conclusione di Milinkovic-Savic. Sempre reattivo, respinge ottimamente una conclusione insidiosa di Immobile nella ripresa, tenendo a galla i suoi.

BOLOGNA – IL PEGGIORE

PETKOVIC 4,5 – Alla quinta presenza in campionato, gioca per la terza volta dal 1’ minuto e per la terza occasione rimane in campo per tutta la gara. Si divora una clamorosa occasione nel primo tempo calciando a lato, da posizione centrale, dall’interno dell’area di rigore. Lotta con i difensori della Lazio ma perde spesso il duello.

LAZIO – IL MIGLIORE

IMMOBILE 7,5 – Un vero e proprio cecchino: ha tre grandi occasioni e realizza due gol da vero opportunista. E’ dinamico, è sempre nel vivo del gioco. Dialoga bene con i suoi compagni e all’occorrenza dà una mano in fase di non possesso. Realizza una doppietta, salendo a quota 16 in classifica cannonieri.

LAZIO – IL MIGLIORE

MILINKOVIC-SAVIC 7 – Devastante in mezzo al campo grazie alla sua fisicità. Crea delle praterie dietro di sé, sfruttando al massimo le sue peculiarità. Diligente, applicato: corre in lungo e largo e serve palloni invitanti ai suoi compagni (vedi l’assist per lo 0-2 di Immobile). Unico neo: l’occasione sprecata nel primo tempo sullo 0-1.

Bologna – Lazio: diretta live e sintesi

SINTESI SECONDO TEMPO – Ottimo secondo tempo della Lazio che crea meno pericoli rispetto alla prima frazione ma soffre anche di meno e riesce a capitalizzare al meglio la mole di gioco creata grazie al solito Ciro Immobile, giunto alla 16esima gioia stagionale. L’unica nota stonata Keita che ha litigato in campo con Milinkovic-Savic. Tutto da dimenticare per il Bologna. La vittoria manca dal 21 gennaio (2-0 al Torino) e sembra un lontano ricordo. I rossoblù, mai in partita, hanno gestito meglio le energie nella ripresa e sono rimasti in partita fino al gol dello 0-2 ma l’atteggiamento, specie nel primo tempo, è sicuramente uno dei tanti aspetti sui quali bisognerà lavorare.

45’+5 – Triplice fischio di Russo: la Lazio espugna il Dall’Ara grazie alla doppietta di Immobile. Biancocelesti quarti in classifica a -4 dal Napoli. Fischi di contestazione per il Bologna, quarta sconfitta nelle ultime 5 per la squadra di Donadoni.

45’+4 – Spunto di Keita che serve Parolo il quale lascia partire un diagonale imprendibile che scheggia il palo alla destra di Mirante.

45’+2 – Gioco ripreso, Strakosha regolarmente tra i pali.

45’+1 – Gioco fermo per un problema alla coscia destra per Strakosha. Parte la contestazione dei tifosi del Bologna nei confronti della squadra rossoblù.

45′ – Saranno 4 i minuti di recuerpo.

44′ – Ancora un calcio di punizione, da circa 25 metri, per il Bologna per un fallo di Murgia. Petkovic calcia direttamente sulla barriera.

43′ – Punizione da oltre 20 metri per il Bologna. Calcia Dzemaili ma Strakosha fa buona guardia.

41′ – Calcio d’angolo direttamente in porta di Murgia, palla che colpisce la parte alta della traversa.

36′ – Terza e ultima sostituzione anche per la Lazio: out Milinkovic-Savic, dentro Wallace. Battibecco tra il centrocampista e Keita al momento dell’uscita dal campo con ‘minacce’ di regolare i conti al termine della sfida.

32′  Terzo e ultimo cambio nel Bologna: esce Masina, entra Krejci.

30′ – Secondo cambio per Donadoni: out Viviani, dentro Pulgar.

29′ – Raddoppio della Lazio: Milinkovic-Savic avanza a centrocampo, resiste al ritorno di Petkovic, serve Immobile in profondità che a tu per tu con Mirante non sbaglia. Sedicesimo gol per l’attaccante laziale.

27′ – Keita spintona Dzemaili che poi appoggia le mani in faccia al laziale: ammoniti entrambi.

25′ – Fallo di Masina su Immobile, punizione per la Lazio alla sinistra dell’area di rigore del Bologna. Nulla di fatto dal calcio piazzato.

22′ – Secondo cambio per la Lazio: out Felipe Anderson, dentro Keita.

21′ – Masina serve un gran pallone a Dzemaili ma lo svizzero controlla male e vanifica un’occasione importante.

19′ – Ammonito Maietta per un fallo a centrocampo su Milinkovic-Savic.

17′ – Primo cambio nel Bologna: fuori Verdi, dentro l’ex Roma Destro.

17′ – Bella azione della Lazio sulla destra: devastante Felipe Anderson che resiste a un fallo e mette al centro per Immobile che controlla e calcia, Mirante respinge come può, poi Felipe Anderson, fermato per posizione irregolare, calcia da pochi passi ma il portiere è reattivo e respinge anche la conclusione del brasiliano.

12′ – Guizzo di Verdi sulla sinistra, palla sull’esterno della rete.

9′ – Cambio forzato per Inzaghi: out l’infortunato Biglia, dentro il classe ’96 Murgia.

8′ – Traversone di Basta dalla destra, Milinkovic-Savic impatta male di testa, spedendo sul fondo.

5′ – Scivola Biglia nella sua metà campo, riparte Dzemaili che viene steso da Radu. Calcio di punizione dai 20 metri per il Bologna. Alla battuta Viviani, traiettoria larga.

1′ – Inizia il secondo tempo del Dall’Ara. Nessun cambio, si riparte con gli stessi 22 che hanno concluso il primo tempo e sul punteggio di 0-1.

SINTESI PRIMO TEMPO – Un’ottima Lazio chiude il primo tempo in vantaggio di un gol grazie al 15esimo sigillo in Serie A di Ciro Immobile. I biancocelesti, ben messi in campo, hanno disputato un ottimo primo tempo ma la formazione di Inzaghi ha avuto un grande neo: è il non aver concretizzato le altre 2-3 palle gol importanti create nella prima frazione. Bologna impreciso con poca determinazione in campo e che ha calciato solo una sola volta nello specchio: i risultati dell’ultimo periodo hanno inciso ma non possono essere l’unica causa della brutta gara, sin qui, dei rossoblù. Urgono dei cambiamenti.

45′ – Termina il primo tempo: Bologna – Lazio 0-1.

44′ – Altra bella azione della Lazio: Biglia allarga a destra per Parolo che di prima intenzione serve Basta il quale calcia senza esitazioni impegnando Mirante.

42′ – Ghiotta occasione per il Bologna: Viviani ruba palla a Biglia al limite dell’area, palla a Petkovic che entra in area e calcia clamorosamente fuori!

35′ – Cross dalla destra di Krafth, colpo di testa di Petkovic, palla alta.

34′ – Tanti errori a centrocampo da parte dei giocatori rossoblù. Lulic, con una giocata personale sulla fascia sinistra, guadagna calcio d’angolo. Biglia dalla bandierina, pallone che finisce tra le braccia di Mirante.

28′ – Petkovic mette giù il pallone al limite dell’area e viene steso da de Vrij. Viviani batte rasoterra, la barriera salta, ma Strakosha è attento e blocca.

26′ – Altra occasione per la Lazio: bel duetto Felipe AndersonMilinkovic, il serbo conclude a botta sicura ma Mirante si salva con i piedi.

23′ – Masina per Verdi, Hoedt anticipa l’attaccante rossoblù mandando il pallone in calcio d’angolo. Dal corner, dopo una serie di batti e ribatti, il pallone arriva a Dzemaili che calcia dal limite ma non inquadra la porta.

20′ – Splendido lancio di Milinkovic-Savic per Felipe Anderson, il brasiliano si invola verso la porta ma sbaglia il secondo controllo allungandosi il pallone, permettendo a Mirante di bloccare la sfera in uscita bassa.

16′ – Timida reazione del Bologna con un tiro dalla lunga distanza di Oikonomou che finisce lontano dallo specchio della porta difesa di Strakosha.

10′ – La Lazio sfiora immediatamente il bis: lancio millimetrico di Biglia per Immobile, l’attaccante, defilato sulla sinistra, controlla il pallone, arriva a tu per tu con Mirante ma calcia alto.

9′ – GOL LAZIO: la Lazio muove palla da destra a sinistra, palla a Lulic che rientra, serve Immobile al centro che di testa, a pochi metri dalla porta, sigla il gol dello 0-1. Quindicesimo gol in campionato per Immobile.

8′ – Ripartenza del Bologna: contrasto tra Viviani e Lulic, Maietta guida il contropiede, allarga a sinistra per Petkovic che di prima intenzione cerca Dzemaili ma il pallone è troppo lungo per lo svizzero.

7′ – E’ la Lazio a fare la partita. Il Bologna concede il possesso ai biancocelesti nella loro metà campo.

4′ – Splendida verticalizzazione di Biglia per Felipe Anderson ma al brasiliano non riesce l’aggancio che lo avrebbe messo a tu per tu con Mirante.

1′ – Calcio d’inizio. E’ iniziato il posticipo della 27ª giornata di Serie A tra Bologna e Lazio.

Squadre in campo. Tra poco il fischio d’inizio di Bologna – Lazio.

Manca poco al fischio d’inizio di Bologna – Lazio, posticipo della 27ª giornata di Serie A. Restate collegati su www.calcionews24.com per tutti gli aggiornamenti sulla sfida del Dall’Ara. Donadoni rinuncia allo squalificato Torosidis e all’infortunato Gastaldello, mentre Simone Inzaghi dovrà fare a meno di Marchetti (influenzato) e Patric (infortunato). Diffidati Masina, Pulgar, Nagy, Torosidis, quest’ultimo, espulso a Genova nel finale e squalificato, per il Bologna; Milinkovic-Savic e Radu nella Lazio. Donadoni, a sorpresa, cambia, passando al 3-5-1-1 e lasciando fuori Mattia Destro e Krejci: in avanti Verdi e Petkovic, in mediana Viviani e Nagy insieme a Dzmeaili, sulle fasce Krafth e MasinaInzaghi sceglie il 4-3-3. Confermate le indiscrezioni della vigilia con Keita in panchina e con Lulic nel tridente offensivo. In difesa Basta, de Vrij, Hoedt e Radu.

Bologna – Lazio, formazioni ufficiali: out Destro, Krejci e Keita, giocano Petkovic e Lulic

BOLOGNA (3-5-1-1) – Mirante; Oikonomou, Helander, Maietta; Krafth, Dzemaili, Viviani, Nagy, Masina; Verdi; Petkovic. In panchina: Da Costa, Sarr, Mbaye, Pulgar, Rizzo, Di Francesco, Taider, Donsah, Sadiq, Krejci, Destro. Allenatore: Roberto Donadoni.
LAZIO (4-3-3) – Strakosha; Basta, De Vrij, Hoedt, Radu; Parolo, Biglia, Milinkovic-Savic; Felipe Anderson, Immobile, Lulic . In panchina: Vargic, Adamonis, Bastos, Wallace, Lukaku, Mohamed, Crecco, Murgia, Lombardi, Luis Alberto, Djordjevic, Keita. Allenatore: Simone Inzaghi

ARBITRO: Russo di Nola

Bologna – Lazio: probabili formazioni e prepartita

Riccardo Bigon, direttore sportivo del Bologna, ha parlato a “Premium Sport” a pochi minuti dal fischio d’inizio della sfida con la Lazio: «Noi stiamo gestendo l’annata come deve essere, con la possibilità di cercare di far sempre meglio, cercando di stare attenti nei minuti finali perché abbiamo perso 7 punti dopo il 90′ e siamo in credito con la fortuna. Stiamo crescendo ma oggi ci attende una partita complicata. Donadoni a rischio? Rispondo con un sorriso. Nel mondo del calcio ne vediamo e ne sentiamo tante. Noi dobbiamo guardare il progetto, il lavoro durante la settimana, il programma, e tutto è condiviso al 100% con l’allenatore. Siamo la terza squadra più giovane d’Italia, guardiamo da dove siamo partiti. E’ un’annata complicata ma abbiamo un buon margine sulla zona pericolosa e possiamo migliorare quello che abbiamo fatto l’anno scorso. Il presidente sta ricostruendo da zero questo club e ci vuole tempo e buona volontà. Problemi in zona gol? Non abbiamo giocatori vicini alla doppia cifra e facciamo fatica ma ci sono tanti giovani. Destro in panchina? E’ stato sfortunato a causa di alcuni infortuni che hanno frenato la sua crescita ma andiamo avanti per cercare di sviluppare il potenziale di Destro che rimane altissimo».

Anche Igli Tare ha parlato a “Premium Sport” dalla zona interviste del Dall’Ara. Queste le parole del ds laziale: «Abbiamo vinto il derby ma ora dobbiamo pensare al campionato, scendendo in campo concentrati e in maniera matura per prenderci questi 3 punti. Critiche? Non ho mai dato peso alle critiche, conta la convinzione del nostro lavoro. Prendere giocatori giovani vuol dire dargli tempo di crescere. Farlo qui a Roma ti dà ancora più convinzione, abbiamo dato un segnale importante per il futuro. Milinkovic-Savic? Non pensiamo a un suo addio, dobbiamo farlo crescere, gioca in un grande club e il tempo sarà galantuomo. Inzaghi? A Roma siamo abituati a parlare di addii e di ipotesi, consideriamo la Lazio un punto di arrivo e per questo lavoriamo per il futuro. Sta facendo un grande lavoro, gli abbiamo affidato la squadra dopo un’estate travagliata e il tempo ci ha dato ragione».

Antonio Mirante, portiere del Bologna, ha parlato a “Premium Sport” prima della sfida: «Dovremo stare attenti all’approccio, dobbiamo spazzare via gli ultimi risultati negativi. Affrontiamo una squadra in salute e dovremo scendere in campo concentrati. E’ inutile appellarsi a qualcosa, dobbiamo fare mea culpa per i risultati negativi delle ultime sfide. Partita decisiva per il futuro di Donadoni? Il mister è in discussioni ogni domenica ma queste sono chiacchiere che si fanno quando i risultati non arrivano».

Filip Djordjevic, attaccante della Lazio, ha commentato così a “Premium Sport” la sfida, in attesa del calcio d’inizio: «Mercoledì abbiamo fatto una grande partita ma non dobbiamo più pensarci, dobbiamo rimanere concentrati sulla partita di questa sera. Noi vogliamo riprenderci il quarto posto e dovremo vincere. Immobile? Sta facendo una grande stagione, io sono sempre a disposizione anche se sto giocando poco, conta la squadra».

Il posticipo della giornata numero 27 di Serie A metterà di fronte Bologna e Lazio allo stadio Dall’Ara. Donadoni ritrova Destro e dovrebbe consegnarli una maglia da titolare al centro dell’attacco. Convocati nuovamente Maietta (dovrebbe partire dal 1′ minuto) e Krafth (possibile panchina). I dubbi maggiori riguardano il centrocampo con Taider, Pulgar e Dzemaili in vantaggio sulla concorrenza. Simone Inzaghi, dopo la vittoria nel derby, si affida nuovamente ai senatori Radu e Lulic, tornando al 4-3-3. Possibile panchina per Keita mentre in difesa dovrebbe esserci spazio anche per Basta, de Vrij e Hoedt. Tutti a disposizione del tecnico laziale ad eccezione di Marchetti (influenzato) e Patric (infortunato).

BOLOGNA (4-3-3) – Mirante; Mbaye, Maietta, Oikonomou, Masina; Taider, Pulgar, Dzemaili; Verdi, Destro, Krejci. In panchina: Da Costa, Sarr, Krafth, Helander, Viviani, Rizzo, Di Francesco, Nagy, Donsah, Sadiq, Petkovic. Allenatore: Roberto Donadoni.
LAZIO (4-3-3) – Strakosha; Basta, De Vrij, Hoedt, Radu; Parolo, Biglia, Milinkovic-Savic; Felipe Anderson, Immobile, Lulic . In panchina: Vargic, Adamonis, Bastos, Wallace, Lukaku, Crecco, Murgia, Djordjevic, Lombardi, Luis Alberto, Keita, Tounkara. Allenatore: Simone Inzaghi.

Queste le dichiarazioni di Donadoni alla vigilia di BolognaLazio: «Pochi gol? È un difetto evi­dente di queste ultime 17 parti­te. Ser­ve determinazione feroce per chiudere nelle situazioni pro­pizie. Dobbiamo tirare in por­ta, possiamo anche sbagliare conclusione per 10 volte ma le possibilità di segnare sono si­curamente superiori rispetto a tentare solo un paio di conclu­sioni. A volte non ci proviamo, cerchiamo lo spiraglio pulito che il portiere si aspetta, invece dovremmo cercare di coglierlo di sorpresa accelerando la conclusione che non si aspetta. Ci sono tre punti in palio e da qui alla fine ogni partita la giocheremo fino al 95′. E’ difficile pensare di fare qualcosa di più se non essere più attenti e lucidi anche quando si va in affanno. Se il motore lo spingi al massimo sempre ti abitui a tenere le curve in maniera diversa. Se invece non lo spingi mai al massimo puoi subito rischiare di andare a sbattere. Tolta la sfida con il Napoli, questi ragazzi non si sono mai tirati indietro, non siamo mai stati inferiori almeno dal punto di vista della voglia. Non è una squadra questa che gioca a mezzo servizi».

Le parole di Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, in conferenza stampa: «Mercoledì abbiamo disputato un ottimo derby, interpretando la gara con umiltà ed esprimendo un calcio tecnico e aggressivo. L’autostima è salita, però io ero già consapevole che questa squadra potesse vincere partite importanti. Sentivo mia questa Lazio dall’estate: abbiamo fatto dei sacrifici per raggiungere la parte alta della classifica e vogliamo rimanerci. E’ stato bellissimo festeggiare la vittoria al fianco dei nostri tifosi, ora però testa al Bologna. I rossoblu ci daranno del filo da torcere, esprimono un buon calcio e la loro classifica è bugiarda. Ne verrà fuori una partita tosta in cui non ci regaleranno niente. Ho tutti a disposizione, tranne Patric, infortunato, e Marchetti, influenzato. C’è al possibilità che schieri Radu e Lulic, ma valuterò se gli altri hanno recuperato al meglio. Buu nel corso del derby? Non ho sentito nessun ululato. Però, parliamo comunque di gesti da condannare che non dovrebbero mai accadere».

L’elenco dei convocati di Roberto Donadoni per la gara di domani sera tra BolognaLazio. Portieri: Da Costa, Mirante, Sarr; Difensori: Helander, Krafth, Maietta, Masina, Mbaye, Oikonomou; Centrocampisti: Donsah, Dzemaili, Nagy, Pulgar, Rizzo, Taider, Viviani; Attaccanti: Destro, Di Francesco, Krejcí, Petkovic, Sadiq, Verdi.

Il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha diramato la lista dei convocati in vista della sfida di oggi contro il Bologna (ore 20:45) allo Stadio Renato Dall’Ara di Bologna. Portieri: Adamonis, Strakosha, Vargic; Difensori: Basta, Bastos, de Vrij, Hoedt, Lukaku, Radu, Wallace; Centrocampisti: Biglia, Crecco, Felipe Anderson, Luis Alberto, Lulic, Milinkovic, Mohamed, Murgia, Parolo; Attaccanti: Djordjevic, Immobile, Keita, Lombardi.

Bologna – Lazio: i precedenti del match

Sono 62 i precedenti in terra emiliana tra Bologna e Lazio. Il Bologna ha battuto i biancocelesti per 33 volte mentre i laziali hanno esultato solo in 12 occasioni, ben 17 i pareggi. Sono 107 i gol realizzati dal Bologna, 59 quelli della Lazio. Curiosamente le ultime 3 gare tra le due formazioni si sono concluse sempre in parità: 0-0 nel 2012 e nel 2014, 2-2 lo scorso anno. L’ultimo successo del Bologna risale al 23/01/2011 (vittoria per 3-1), l’ultimo 2 invece nella stagione successiva, il 23/10/2011 (0-2 per i laziali).

Bologna – Lazio: l’arbitro del match

Sarà Carmine Russo di Nola a dirigere il posticipo del Dall’Ara. L’arbitro ha diretto 12 gare di Serie A: un solo precedente con il Bologna in questa stagione, due con la Lazio. Russo ha arbitrato 14 volte il Bologna in Serie A, il bilancio è negativo con 8 sconfitte, tre pareggi e tre vittorie (due vittorie ‘consecutive’ nelle ultime due sfide dirette da Russo, la prima nello scorso campionato, il 14 febbraio 2016 a Udine, la seconda nell’unica sfida diretta dal fischietto campano in questa stagione, il 20 novembre, 3-1 con il Palermo). Sono 15 i precedenti con la Lazio, il bilancio è positivo con 9 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte (in questa stagione Russo ha diretto le trasferte con Udinese e Sampdoria, e in entrambi i match ha trionfato la formazione di Inzaghi, con il punteggio di 0-3 e 1-2).

Bologna – Lazio Streaming: dove vederla in tv

La partita sarà trasmessa a partire dalle ore 20.45 in diretta satellitare sulle frequenze di Sky SupercalcioSky Sport 1 e Sky Calcio 1 e in digitale terrestre su quelle di Mediaset Premium Sport, oltre che in streaming su app iOSAndroid e Windows Mobile per smartphone, pc e tablet Premium Play Sky Go.