Caso Catania, Paparesta: «Bari aperto a verifiche»

© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente del Bari tra rabbia e disponibilità ad approfondimenti

Il presidente del Bari ha replicato alle indiscrezioni sull’inchiesta di Catania per le gare truccate nel campionato di Serie B appena concluso e sul presunto coinvolgimento del club pugliese, ribadendo la disponibilità a verifiche: «Sono molto amareggiato. Apriamo le società alle verifiche delle procure per controlli: chi non ha commesso nulla, non teme nulla. Dobbiamo essere un libro aperto per chiunque, chi investe non si aspetta delegittimazioni. Mi dispiace per la Lega di Serie B, che sta lavorando molto per evitare queste situazioni», ha dichiarato Gianluca Paparesta.

LA RABBIA DEL PATRON – Il presidente del Bari, che ha proposto pene durissime, ha poi proseguito: «Il nostro lavoro immane fatto di sacrifici viene un po’ appannato da questioni che non riguardano il mondo del calcio. Provo rabbia, ma non ci fermiamo e vogliamo andare avanti con regole certe, rigide e reali, che non consentano a chi è reo confesso di poter ritornare a fare quello che faceva prima».