Caso Icardi, Capello bacchetta Spalletti: «Deve avere in mano la situazione»

Caso Icardi, Capello bacchetta Spalletti: «Deve avere in mano la situazione»
© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Capello ha detto la sua sulla frattura fra l’Inter e Mauro Icardi: «Il giocatore si chiarisca con lo spogliatoio».

Situazione critica in casa Inter con il caso Icardi. Il rapporto fra il club nerazzurro e l’attaccante argentino è stato fra i temi affrontati dal “Club” su “Sky Sport”. Nel programma condotto da Fabio Caressa, anche Fabio Capello ha espresso la propria opinione. «Qualcosa nello spogliatoio si è rotto perché l’impegno dell’Inter dopo l’uscita di Icardi prima non c’era. – ha sostenuto l’esperto tecnico friulano – Ma Spalletti non deve parlare alla stampa, deve fare una riunione con i giocatori e fare chiarezza. L’allenatore deve avere in mano la situazione e capire quando intervenire. Dopo il comunicato ufficiale io non ne avrei parlato più».

«Da allenatore non faccio intervenire la società perché vuol dire che non ho la personalità di intervenire. – ha proseguito – Io al Real Madrid ho avuto una situazione simile: Suker e Mijatovic non passavano palla a Raul. Li ho chiamati e ho fatto vedere alcune situazioni in cui si comportavano così e ho detto loro che se fosse ricapitato non avrebbero più giocato. Non è più successo. A me la società doveva chiedere se poteva intervenire».

Non mancano i consigli anche al giocatore: «Icardi dovrebbe andare nello spogliatoio, chiedere scusa e i giocatori possono capire che ha sbagliato e giustificarlo. – ha proseguito Capello – Queste situazioni possono aggiustarsi, è importante riavere in gruppo un giocatore del genere. Verrebbe accettato e ammirato. Chi ammette i propri errori fa un atto importante. Si sta danneggiando da solo non giocando. Deve tornare umile nello spogliatoio: l’Inter ha bisogno di Icardi e Icardi dell’Inter». Parole non banali, quelle di Capello, che fanno sicuramente riflettere su quanto sta accadendo in casa nerazzurra.

ICARDI-INTER, LOTTA SERRATA: MAURO PENSA A UN BOLLETTINO MEDICO PRIVATO