Caso Ronaldo, il portoghese fornirà la sua versione dei fatti alla polizia

© foto www.imagephotoagency.it

Cristiano Ronaldo non si appellerà al quinto emendamento e ha tutta l’intenzione di fornire la sua versione su ciò che accadde con Kathryn Mayorga

Cristiano Ronaldo fornirà la propria versione dei fatti di quanto accadde con Kathryn Mayorga nel 2009, a Las Vegas. Il quotidiano portoghese, Correio de Manha, molto vicino allo staff di Cr7, ha infatti confermato la disponibilità del giocatore a farsi sentire dalla polizia. Non si appellerà al quinto emendamento, ma l’interrogatorio si svolgerà in videoconferenza dall’Italia, vista anche l’agenda fitta di impegni della Juve. L’avvocato di Kathryn Mayorga, però, non esclude di poter chiamare a testimoniare anche quelli che avevano accompagnato Ronaldo a Las Vegas: José Pereira, il cognato, Nuno Viveiros, il cugino, José Andrade, compagno della madre e Edgar Caires, ex marito della sorella. Intanto dopo la smentita del Real Madrid che dice di non aver fatto pressioni su Ronaldo affinché pagasse Kathryn Mayorga, ha voluto rispondere il direttore del Correio de Manha, il quotidiano che ha dato la notizia. Il giornalista si è detto sorpreso della reazione del club e conferma quanto pubblicato.